SS Lazio, Lucas Biglia “El Principito” sbarca a Fiumicino

0
27
 

Dopo due mesi di tira e molla, Lucas Biglia ha iniziato la sua avventura alla Lazio. Il centrocampista, ormai ex dell’Anderlecht, è sbarcato ieri pomeriggio all’aeroporto di Fiumicino respirando per la prima volta l’aria della capitale.

Nel week-end scorso Lotito aveva risolto gli ultimi problemi relativi alle commissioni dell’operazione, ma ora manca solo l’annuncio ufficiale. Con qualche minuto di ritardo, poco dopo le 18 di un caldo mercoledì estivo, El Principito è arrivato a Roma. Con un nuovo taglio ai suoi capelli color miele e con un look casual è stato accolto dal team manager Manzini e non ha rilasciato dichiarazioni, deludendo i cronisti presenti e accorsi numerosi allo scalo romano.

Nelle prossime 48 ore il calciatore scoprirà la città e svolgerà i test atletici prima di siglare il contratto che lo legherà ai biancocelesti per i prossimi quattro anni. Venerdì, nello stesso scenario, toccherà a Felipe Anderson affacciarsi nella capitale ed è probabile che l’atmosfera per il brasiliano sia più calda e che qualche sostenitore non si voglia perdere i primi momenti a Roma, dopo sette mesi di agonia, del futuro numero dieci della Lazio.

Intanto, Lotito ha voluto spegnere il fuoco delle polemiche intorno a Candreva relative alla presunta richiesta dell’adeguamento di contratto richiesto dal centrocampista azzurro: «Una chiamata di Candreva per avere un aumento dell’ingaggio? Non ho ricevuto nessuna telefonata, non mi risulta vera questa notizia».

Il presidente è poi tornato sulla storica conquista della Coppa Italia: «Il ricordo che mi porterò di quella giornata? L’affetto delle persone che hanno vissuto questo straordinario risultato come forma di affermazione sul campo dei valori della Lazio. Siamo la prima squadra della capitale e l’abbiamo dimostrato sul campo».

Va avanti il mercato biancoceleste con lo scambio tra Vukusic e Sculli con il Pescara che è a un passo dal realizzarsi. I capitolini vorrebbero provare a inserire anche il difensore Capuano, magari mandando in prestito in Abruzzo qualche giovane della Primavera di Bollini.

Antoniomaria Pietoso