AS Roma, «fuori i soldi»: i tifosi giallorossi contestano giocatori e società

0
86
 

Raduno e contestazione: la Roma inizia la nuova stagione come aveva terminato quella passata. Alle 9 di ieri mattina infatti, i calciatori giallorossi si sono ritrovati a Trigoria per rispondere alle convocazioni in vista del pre-ritiro che li vedrà impegnati fino a venerdì, quando partiranno alla volta di Brunico per l’inizio della preparazione estiva. Ad attenderli però nessuna festa da primo giorno di scuola. Circa un centinaio di tifosi si è infatti dato appuntamento davanti al Fulvio Bernardini per una contestazione che ha preso di mira squadra e società.

Ad accogliere i calciatori all’ingresso, un eloquente striscione: «26 maggio 2013… bentornati merde (a ricordo della finale di Coppa Italia persa contro la Lazio, ndr)». Per i dirigenti invece, una pioggia di insulti da parte di una tifoseria in completo disappunto dinanzi a un raduno senza nuovi acquisti.


 

Già, perché, cessioni a parte, la Roma si è ritrovata ieri a Trigoria senza alcun volto nuovo. Assenti anche Dodò, che rientrato solo in mattinata dal Brasile ha dovuto svolgere le visite mediche pre-raduno, Borriello, che lamentava una ferita al piede, e Osvaldo, il caso di giornata. Nella notte precedente il raduno, per il quale l’italoargentino era stato regolarmente convocato, una fotografia twittata dalla fidanzata Jimena Baron aveva preannunciato la sua assenza: Osvaldo è rimasto in vacanza a Chicago, per via, hanno fatto sapere da Trigoria, di un permesso concordato col ds Sabatini a causa del probabile concretizzarsi di una trattativa di mercato. Un caso certamente evitabile: sarebbe probabilmente bastato comunicare preventivamente il rientro posticipato dell’italoargentino (come fatto con Florenzi e Lamela, che si aggregheranno al gruppo tra oggi e domani) a evitare l’ennesima polemica.

Non convocati invece De Rossi e Destro, entrambi per le vacanze post-impegni con le Nazionali. Sul campo poi, è andato in scena l’insediamento di Garcia. «Lavoreremo duro – ha detto il tecnico ai ragazzi, in una riunione di circa venti minuti in cui tutti lo hanno ascoltato in silenzio – e lo faremo perché vincere qui è qualcosa di unico».

Agli ordini del francese, la squadra ha svolto due sedute di allenamento, dove i calciatori hanno utilizzato molto il pallone. E mentre a Trigoria c’era l’apertura della nuova stagione, a qualche chilometro di distanza Benatia svolgeva le ultime visite mediche. Dopo il primo giro di esami effettuato l’altro ieri al Campus Biomedico, il calciatore ha concluso ieri mattina l’iter al policlinico Gemelli con esito positivo. Nelle prossime ore si aggregherà stabilmente al gruppo, col quale ha già preso contatto all’arrivo a Trigoria.

Vincenzo Nastasi

È SUCCESSO OGGI...

Mafia Capitale, quasi 500 anni complessivi di carcere chiesti dai PM per gli imputati

Erano 16 di 46 gli imputati del processo 'Mafia Capitale' che si sono presentati stamane nell'aula bunker di Rebibbia per ascoltare la requisitoria conclusiva dell'Accusa, in attesa della richiesta di condanne che i Pm...
Stadio della Roma

Stadio della Roma, De Vito: «La società non ha ancora inviato il progetto»

Il Comune di Roma è ancora in attesa di "determinazioni e progetti da parte della società Roma" a proposito del nuovo stadio. A spiegarlo all'agenzia Dire il presidente dell'Assemblea capitolina, Marcello De Vito, a margine...
roma

La truffa dei finti poliziotti: un altro caso a Roma

Con tanto di lampeggiante blu sul tettino, in piena notte, fermavano le auto in transito a Tor Bella Monaca e, spacciandosi per poliziotti, fingevano di effettuare dei controlli,  depredando le persone dei loro averi. Quando sono...
regione lazio

Dopo 18 anni il nuovo piano sociale regionale 2017/19

Dopo 18 anni è stato presentato oggi alla Regione il piano sociale regionale per il triennio 2017-2019: uno strumento per rafforzare l’impegno per contrastare le disuguaglianze sociali e la povertà, e per garantire un...

Presa a pugni dal compagno, si difende con un frigorifero

Un frigorifero dietro la porta e la chiamata al 112: così si è difesa dal suo aguzzino una donna di 46 anni che, in un anno e mezzo di convivenza, aveva già perdonato  il...