Rugby, Lazio e Capitolina smuovono la classifica. Fiamme Oro ko

0
50
  Una vittoria, una sconfitta con bonus e un altro ko da smaltire. E’ questo in sostanza il resoconto della seconda giornata del campionato d’Eccellenza di rugby per le tre formazioni romane.

Onore e merito alla Capitolina che ha saputo centrare la prima vittoria stagionale fra le mura amiche al cospetto del Reggio Emilia (26-10). Primi 4 punti da mettere in classifica con orgoglio. Riccardo Bocchino con 1 drop, 3 calci piazzati e 2 trasformazioni è stato eletto man of the match.«La vittoria fa senza dubbio morale – ha detto il tecnico Cococcetta -, ma dobbiamo lavorare ancora molto sotto il profilo dell’attenzione ai dettagli, che fanno la differenza. A questo livello non ci si può permettere di sbagliare, gli errori si pagano cari».Un punto lo guadagna la Lazio, anche se perde sul campo del Padova, ma il ko per 16-9 permette ai biancocelesti di De Angelis di non restare a bocca asciutta. La Lazio ha retto bene il primo tempo (3-3) sul difficile terreno del Petrarca, poi ha accusato il cambio di ritmo dei padroni di casa.In evidenza il neo acquisto Nathan (foto) che ha realizzato 3 dei 4 piazzati a sua disposizione, il debuttante Civetta e il capitano Mannucci al rientro dopo un lungo infortunio. Il ds Fusco guarda già al derby di sabato con la Capitolina: «In questa settimana dovremo lavorare molto per preparare la partita che ci vedrà all’esordio stagionale davanti al nostro pubblico».Le Fiamme Oro Roma, invece, sono ancora a secco di punti in classifica. I cremisi si sono arresi ai campioni del Mogliano per 17-34. Partita difficile per le Fiamme, che proveranno a rialzare la testa sabato contro il Prato.Coach Presutti trova subito i punti su cui lavorare: troppi errori, tante palle perse e qualche problema di disciplina. «Rispetto al match di Rovigo – spiega l’allenatore – ci sono stati dei progressi. Ho visto i miei lottare fino all’ultimo e non cedere di schianto. In settimana lavoreremo molto anche sul profilo della disciplina, che con il Mogliano ci ha penalizzato».