Roma: quattro moschettieri, quattro gol, quattro storie

0
95

Al giro di boa con 44 punti. Un record per la Roma di Garcia che intasca la vittoria n. 13 della stagione e si gode i suoi quattro moschettieri. Già perchè Totti, Florenzi, Maicon e Benatia sono saliti in cattedra con il Genoa, sfoderando grinta, colpi precisi e grandi gol, ognuno a modo suo, ognuna con una caratteristica da mettere in evidenza. Gol che non ti stancheresti mai di guardare.

Il capitano Francesco Totti ha ritrovato il gol all’Olimpico dopo quasi nove mesi. Un parto? Con le tempistiche ci siamo quasi, e non è stato solo un gol importante perchè si è sbloccato ma anche perchè lo ha fatto su azione e non da calcio piazzato. Primo gol in casa della stagione, una forma che sta tornando e una Roma che prova a tenere il passo della Juventus campione d’inverno.

Ma è stata la domenica di Florenzi, quel gol in rovesciata ha fatto esplodere l’Olimpico, ha sbloccato il risultato e ha consacrato questo giovane calciatore definito «puro, umano, uno che quando scende in campo dà sempre il massimo» dal giallorosso della pallanuoto romana Claudio Innocenzi, il capitano della Roma Vis Nova intervistato da noi sabato alla vigilia della gara con il Genoa. Ora suona quasi come una profezia.

Il terzo moschettiere porta il nome di Maicon, abile a volare in contropiede lanciato da una triangolazione Totti-Dodò-Florenzi. Il capitano mette lo zampino in tutte le reti giallorosse di questa fredda domenica di gennaio (sua la punizione ribattutta da cui è scaturito il gol di Florenzi), e così confeziona un assist dalla bandierina del calcio d’angolo per il colpo di testa di Benatia, che si piazza tra i migliori difensori europei in fatto di reti segnate.

Sono ben cinque, è il miglior marcatore giallorosso di questa prima parte di stagione insieme proprio a Florenzi, davanti a Gervinho e Strootman (4). Chi lo avrebbe detto?

(Foto Tedeschi)

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SULLA AS ROMA DIRETTAMENTE NELLA TUA EMAIL

[wpmlsubscribe list=”15″]