As Roma, il grido: non demolite le tribune dell’Ippodromo Tor di Valle

Ad alzare la voce è Clara Lafuente, figlia del progettista dello storico impianto romano. Difende la struttura e propone una soluzione

0
668
As Roma, Lafuente chiede di non demolire le tribune dell'Ippodromo di Tor di Valle con il progetto del nuovo stadio (tedeschi)

In mezzo a tanto clamore e all’entusiamo per il nuovo stadio dell’As Roma, il cui progetto prevede la costruzione di questa “città” nell’area di Tor di Valle, dalle pagine di Repubblica, si alza la voce di Clara Lafuente, figlia del progettista dell’Ippodromo che sorge proprio nella zona interessata.

LA DIFESA – La donna difende l’impianto del padre e vorrebbe che non fosse abbattuto. Su Repubblica Clara Lafuente dice: «Non rifate l’errore del Velodromo, non abbattete quell’impianto storico, capolavoro di mio padre Julio».

È questa la preghiera che rivolge alle istituzioni e a coloro che saranno incaricati di progettare il nuovo stadio. La donna non ce l’ha con l’impianto giallorosso del futuro, vuole solo difendere le tribune dell’Ippodromo che definisce «strepitose e sulla loro avveniristica copertura che allora fecero scuola, la più grande paraboloide iperbolicà del mondo».

LA PROPOSTA – La sua preoccupazione è che le tribune vengano demolite senza che magari qualcuno le abbia visionate attentamente e previsto un piano per salvarle, magari facendole diventare le tribune di un campo di allenamento o qualcosa di simile. Insomma piuttosto che lasciarle al degrado di ora o di raderle al suolo, Lafuente vuole porre l’attenzione sul fatto che possano essere utilizzate in un’altra maniera e rilanciate a nuova vita.

Poi spiega: «Sono un segno architettonico oggetto di tesi di dottorato, un’opera di altissima ingegneria sottoposta a un vincolo comunale e inserita nella nella Carta delle Qualità del nuovo piano regolatore di Roma come complesso specialistico di rilevante interesse urbano». Insomma piuttosto che demolire e poi smaltire a costi alti, la sua proposta suona come un’idea di “riciclare” qualcosa che di buono già c’è, donandogli però una nuova prospettiva.

(Foto Tedeschi)

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SULLA AS ROMA DIRETTAMENTE NELLA TUA EMAIL

[wpmlsubscribe list=”15″]

È SUCCESSO OGGI...

Colosseo, Franceschini: «Area archeologica resterà aperta»

"L'area archeologica centrale di Roma restera' com'e' oggi, restera' aperta. La parte che e' gia' a pagamento restera' a pagamento e il resto restera' aperto alla citta'. Ci mancherebbe altro che costruire una cosa...
tuscolano

Esplosione in pieno centro abitato a Cerveteri: intervengono i pompieri

Ieri 26 aprile 2017 alle ore 20.00 circa, i Vigili del fuoco di Cerveteri sono intervenuti per avvenuta esplosione all'interno della cucina di un appartamento sito in via di Gricciano, 14/A a Cerveteri.   i VVF...
regione lazio

Dopo 18 anni il nuovo piano sociale regionale 2017/19

Dopo 18 anni è stato presentato oggi alla Regione il piano sociale regionale per il triennio 2017-2019: uno strumento per rafforzare l’impegno per contrastare le disuguaglianze sociali e la povertà, e per garantire un...

Fa il pieno di benzina, paga con banconote false e scappa

A seguito di una segnalazione giunta al NUE 112, i Carabinieri della Stazione di Roma San Paolo hanno arrestato una 20enne romana, disoccupata e già nota alle forze dell’ordine, con l’accusa di spendita e...

Mafia Capitale, quasi 500 anni complessivi di carcere chiesti dai PM per gli imputati

Erano 16 di 46 gli imputati del processo 'Mafia Capitale' che si sono presentati stamane nell'aula bunker di Rebibbia per ascoltare la requisitoria conclusiva dell'Accusa, in attesa della richiesta di condanne che i Pm...