Calciomercato Roma, problemi per Manolas allo Zenit. Gonalons a un passo. E Dolberg…

0
913
As Roma-Real Champions League
Manolas (Foto Pizzi)

Si intoppa la trattativa Manolas-Zenit. Il difensore della Roma, su cui giallorossi e russi hanno trovato l’accordo per il suo trasferimento al club di San Pietroburgo (30 milioni + bonus), non ha ancora dato il via libera all’operazione a causa di un problema di natura economica. Così importante da far saltare le visite mediche previste per stamattina a Villa Stuart.

Il giocatore ha accettato l’offerta di ingaggio da circa 4 milioni a stagione per 5 anni, ma gradirebbe il pagamento in euro e non i rubli, la valuta russa. Soluzione che, invece, lo Zenit dava per scontata. Quest’oggi l’agente di Manolas e i dirigenti russi si incontreranno a ore per a sistemare la questione, Ma sullo sfondo ci sono Chelsea e Arsenal, pronti ad inserirsi in caso di blocco della trattativa. E sempre con lo Zenit San Pietroburgo, è invece tutto fatto per l’operazione Leandro Paredes: il centrocampista argentino, dopo i tentennamenti delle ultime ore, si è convinto a trasferirsi in Russia e farà incassare alla Roma altri 30 milioni. Che, dovesse sbloccarsi l’affare Manolas, diventerebbero 60 più bonus.

Definite queste due cessioni, la Roma può insistere sul mercato in entrata. Dopo gli arrivi dei difensori Moreno e Karsdorp, è quasi fatta per l’acquisto di Maxime Gonalons, centrocampista centrale e capitano storico del Lione. Ieri è stato trovato l’accordo tra l’agente del transalpino e il ds romanista Monchi: contratto quadriennale da 2 milioni di euro più bonus a stagione. Intesa di massima anche con il Lione, 5-5,5 milioni di euro più bonus e visite mediche previste per inizio prossima settimana. A fargli “compagnia” a centrocampo, e arricchire il reparto composto dagli intoccabili Nainggolan, De Rossi e Strootman, sarà il giovane Lorenzo Pellegrini. Operazione già definita con il Sassuolo, contratto firmato e ufficialità che arriverà giovedì 30 giugno, ora è atteso in ritiro a inizio luglio.

In attacco torna d’attualità la suggestione Kasper Dolberg. L’agente del talento offensivo dell’Ajax, Jens Steffensen, ha dichiarato al sito romanews.eu che “sarebbe bellissimo andare alla Roma. La Serie A è un grande torneo, è molto competitivo. Quindi Kasper sarebbe sicuramente interessato al trasferimento, ma al momento non c’è un’offerta concreta sul tavolo. Potrebbe anche restare un altro anno all’Ajax ma dipende dalle offerte: sarebbe difficile dire ‘no’ ad un grande club come la Roma. Se dovesse uscire qualcosa di interessante noi partiremmo da ciò, verificando giorno dopo giorno la situazione”.

LASCIA UN COMMENTO

È SUCCESSO OGGI...

Legacoop Lazio ha scritto una lettera aperta alla sindaca Virginia Raggi per chiederle un confronto sulle recenti decisioni della Giunta (Foto Pizzi) salario accessorio

Dopo polemiche, Raggi revoca l’avviso per cda Capitale Lavoro

Raggi ci ripensa. Dopo l'attacco sferratole ieri dal centrosinistra de "le città della Metropoli" con un atto odierno la sindaca di Roma e della città metropolitana che firma come "avv. Virginia Raggi" ha revocato,...

Mafia capitale, condanne pesanti ma non viene riconosciuto il reato di mafia

Sentenza a sorpresa nell’aula bunker di Rebibbia, cade infatti per tutti i 19  imputati il 416 bis, ovvero l'accusa di associazione mafiosa del processo Mafia Capitale. Nonostante il teorema della Procura sia stato respinto...
MAFIA CAPITALE SENTENZA

Mafia Capitale, per il Codacons processo condotto male. Attesa per la sentenza

Arriva oggi la sentenza per la vicenda “Mafia capitale”, un processo durato 20 mesi con centinaia di udienze che, tuttavia, riceve le nette critiche del Codacons. “Si tratta di un procedimento condotto male e da cui i...

Ladro ruba in casa e poi per scappare precipita dal balcone

Un cittadino ucraino di 34 anni è precipitato, ieri poco prima delle 13, dal terzo piano di uno stabile di via Roberto Lepetit, mentre tentava di calarsi con delle lenzuola legate al balcone e si trova...
mafia capitale

Mafia Capitale, confiscati katana e machete a Carminati

Uno jammer (il disturbatore di frequenze) con la batteria ausiliaria, la katana (spada giapponese), due machete e un'accetta. Sono questi alcuni dei reperti, riconducibili a Massimo Carminati, di cui il tribunale ha disposto la...