Matteo Cavagnini, la vita e lo sport oltre gli ostacoli

Giocatore del Santa Lucia e capitano della Nazionale italiana di basket in carrozzina. «La disabilità? Un valore aggiunto»

0
661
Matteo Cavagnini giocatore del Santa Lucia Roma e capitano della Nazionale italiana di basket in carrozzina

La vita ti pone ogni giorno degli ostacoli da affrontare, c’è chi li guarda a testa alta e prova a superarli e chi ci arriva con il capo chino e resta fermo ad osservarli come se fossero montagne insormontabili. Ma la differenza non è se sei su una sedia a rotelle o meno, ma l’atteggiamento con cui ti poni davanti alle difficoltà. L’intervista con Matteo Cavagnini è una lezione di vita dall’inizio alla fine. Nato a Brescia nel 1974, Matteo ha avuto un incidente in motorino a 14 anni e ha subito l’amputazione di una gamba. Costretto su una sedia a rotelle ha cominciato a giocare a basket in carrozzina diventando il giocatore di punta di diverse squadre italiane, fino ad approdare al Santa Lucia, formazione di Roma, e a diventare il capitano della Nazionale italiana.

Il Santa Lucia è primo in classifica in serie A1 con 10 punti, davanti a Cantù (a quota 8), ma con cui ha perso la Supercoppa Italiana, e al Porto Torres. Mancano due gare al giro di boa, che stagione vi aspettate?
«Da protagonisti. Vogliamo vincere magari scudetto e Coppa Italia, la società ha rinforzato la squadra e punta a portare a casa un titolo dopo cinque “medaglie d’argento”. Noi siamo un gruppo ben amalgamato con dei giovani grintosi e dei giocatori più esperti, il mix giusto per fare bene. Finora abbiamo ottenuto cinque vittorie in cinque gare, ma non vogliamo lasciare nulla per strada, è questa la nostra mentalità. Cantù è sicuramente la squadra da battere, è campione in carica, un team forte, ma noi proveremo a batterli. In Supercoppa non eravamo a pieno organico, ma nonostante questo ci siamo battuti con coraggio, e i tre punti di distacco a fine match li voglio vedere in positivo, visto che il nostro quintetto non era al completo, questo vuol dire che possiamo batterli e fare di più. Ora pensiamo a chiudere bene il girone di andata, ci mancano due vittorie contro due team forti come Santo Stefano (Macerata) e Porto Torres».

Com’è invece l’avventura azzurra, essere il capitano di una Nazionale?
«Io penso che il primo segreto è giocare a basket sempre con il sorriso, come capitano devo dare l’esempio, l’impronta e il sacrificio, essere leader nelle piccole cose, in campo e fuori. Non esistono scorciatoie, io credo che sia sempre il lavoro a pagare. E poi in un gruppo ci devono essere il rispetto dei ruoli, degli orari e quello delle priorietà. La giusta calma, la tranquillità ma anche una sana aggressività. I miei miti sono personaggi come Roberto Baggio, Zanetti e Gigi Datome, grandi sportivi da una parte e uomini di valore dall’altra. Datome è stato un vero trascinatore l’anno scorso con la Virtus Roma, è una gran brava persona, integra. Mi spiace per un verso che Roma l’abbia perso come giocatore, ma sono contento per lui e per l’Italia che ora giochi in un campionato importante come l’Nba. Tornando a parlare di Nazionale il quinto posto ottenuto ai recenti Europei è quello che ci compete, è reale, abbiamo sfiorato le semifinali, un’occasione mancata ma forse non eravamo pronti. Ora ci siamo qualificati per i Mondiali del 2014, dovremo giocarli senza illusioni non come a Londra. Dovrò dare il meglio di me e tirare fuori il meglio da tutti gli altri».

Si è trasferito a Roma, lavora e gioca nella capitale. Come si trova?
«Vivo qui dal 2008, Roma è una città favolosa, ricca di opportunità. Io ora lavoro come tecnico informatico alla Federazione Italiana Canottaggio, e sto provando a remare, e devo dire che mi piace. Tutto è nato un po’ per gioco quando il presidente e grande atleta Giuseppe Abbagnale mi ha visto, mi ha spinto a provarci. Roma comunque ha anche un lato negativo quello della mentalità. Qui si impara a stare al mondo, la città è un caos soprattutto per chi vive una disabilità, c’è poco rispetto da parte degli automobilisti, e in particolare per i parcheggi».

Quell’incidente in motorino ha cambiato la sua vita. Come si riparte da un evento così tragico accaduto in piena adolescenza?
«Avevo 14 anni, stavo andando a prendere il latte, all’epoca giocavo a calcio. E’ stato un trauma che mi ha sconvolto la vita. Si perdono stimoli, obiettivi, poi ho scoperto il basket e ho imparato che la vita continua, che devi trovare la forza di reagire. Lo sport per me è stato un’ancora di salvezza, come tutto ciò che ti circonda, famiglia, amici, ambiente. Io nel basket ho trovato un gruppo con cui confrontarmi e non solo sotto l’aspetto sportivo, ma anche dei problemi quotidiani. Ora c’è un progetto a cui sto partecipando che è la realizzazione di un corto/mediometraggio proprio sul basket in carrozzina, un modo per mandare un messaggio sociale e sportivo di non lasciarsi mai andare, di non abbandonarsi alla disperazione».

Che messaggio vuole mandare alle istituzioni e a chi vive una disabilità?
«Ho piena fiducia nel lavoro di Luca Pancalli, è una persona competente, che sa leggere i problemi, che ha capacità per risolverli. Da cittadino credo sia la persona giusta al posto giusto, ha già fatto molto quando ha ricoperto altri ruoli, e so che anche ora e in futuro potrà fare molto. A chi vive una disabilità posso dire che so che non è facile, ma metto sul tavolo la mia esperienza e gli dico di vivere la vita, di non mollare. Credo che quando uno accetta di uscire da casa, ha vinto la sua battaglia, si sente a suo agio, è sereno, e se accetta lui per primo la disabilità saprà farla accettare anche agli altri. E’ una vittoria. Io credo che il valore aggiunto del basket in carrozzina sia proprio la disabilità, è un concetto chiave perchè chi si accetta vuol dire che ha superato limiti che nessuno immagina».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI CINQUE QUOTIDIANO
[wpmlsubscribe list=”9″]

È SUCCESSO OGGI...

Motori accesi per il debutto dell’edizione 2017 di Driving Skills For Life

Manca ormai poco al via dell’edizione 2017 del Ford DSFL, il programma di corsi gratuiti di guida responsabile indirizzato ai giovani nella fascia d’età 18-25, che torna in Italia per il 5° anno consecutivo...
Viabilità, a Roma doppia pedonalizzazione: via Bixio e largo Agnesi

Viabilità, a Roma doppia pedonalizzazione: via Bixio e largo Agnesi

Dopo via Urbana due nuove pedonalizzazioni volute dal M5s si affacciano all'orizzonte: la prima riguarda un'altra zona di Monti, largo Gaetana Agnesi, e in particolare il lato che si affaccia sul Colosseo, sopra la...

Cerveteri, trasporto scolastico e refezione: preiscrizioni online al via

Sono aperte sul portale cerveteri.pagonlinepa.it le preiscrizioni online per usufruire del Servizio di Trasporto Scolastico e di refezione scolastica del Comune di Cerveteri per l’anno scolastico 2017/2018. Al fine di agevolare gli utenti, nei prossimi...

Scontro sui binari: in tilt la ferrovia Termini Centocelle

"Ferrovia Termini-Centocelle, il servizio, in direzione interna, è limitato a Ponte Casilino per un incidente sui binari a S. Bibiana". E' quanto si legge su muoversiaroma.it il portale web dell'Agenzia per la mobilità di...
general motors

Accorpamento Aci-Pra, scatta lo sciopero dei lavoratori

Se da Roma non se ne vanno come Sky e il Tg5, chiudono come Alamviva e oggi Aci Informatica buttando nella emarginazione assistita centinaia di dipendenti o creando gravi difficoltà ai lavoratori.  Oggi i 500 lavoratori di ACI...