Atletica, un anno senza Pietro Mennea. Il ricordo di Giomi

Il presidente della Fidal fa un ritratto del grande campione scomparso il 21 marzo 2013. Eventi e iniziative in suo onore

0
157

Un anno senza un grande campione, un anno senza la Freccia del Sud. Roma ha perso il 21 marzo del 2013 Pietro Mennea, il campione olimpico dei 200 metri che trionfò a Mosca nel 1980. L’uomo che stabilì il primato mondiale di questa specialità con il tempo di 19”72, uno di quei primati che resta in Europa anche post mortem.

Perchè fu soprannominato Freccia del Sud? Era nato a Barletta ed è stato l’unico duecentista a conquistare quattro finali olimpiche consecutive. Un campione sulla pista, un uomo colto e un gran signore nella vita di tutti i giorni. Fu scrittore, politico, avvocato e commercialista.

IL RICORDO DI GIOMI – Il regalo più bello in un giorno così lo fa il presidente della Fidal Alfio Giomi che ricorda il grande campione: «“Appena posso ti chiamo”. Con queste parole Pietro Mennea mi salutò quando, appena eletto, l’avevo chiamato per salutarlo. Avrei voluto incontrarlo per vedere cosa potevamo fare insieme per l’Italia dell’atletica. Quell’appena posso, purtroppo, aveva ben altro significato di quanto potessi immaginare in quel momento».

LE INIZIATIVE – Giomi racconta che «in tutta Italia sono state moltissime le iniziative per ricordarlo. La Fidal da subito decise e realizzò due momenti: l’intitolazione del Golden Gala da allora “Golden Gala – Pietro Mennea” e il Mennea Day il 12 settembre, in memoria del 19.72 che per 17 anni è stato il record del mondo e rappresenta tuttora il primato europeo dei 200 metri».

L’EVENTO – «Il 12 settembre sarà anche quest’anno un momento di celebrazione e, al tempo stesso, di promozione per l’atletica – conclude il presidente della Fidal -. Stiamo cercando di renderlo un avvenimento di portata continentale attraverso il progetto “Erasmus plus”. Senza dimenticare la maglia azzurra che Mennea ha onorato per ben cinquantadue volte in carriera e che nel 2013, ai Mondiali di Mosca, ha portato impresso il suo nome. Siamo, però, altresì convinti che le persone vadano soprattutto rispettate da vive e poi ricordate dopo la scomparsa. Riteniamo di averlo fatto e continueremo a farlo con l’equilibrio e il rispetto dovuto ad ogni individuo. Nel caso di Pietro, ad uno dei più grandi atleti della storia dello sport italiano».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI CINQUE QUOTIDIANO

[wpmlsubscribe list=”9″]

 

È SUCCESSO OGGI...

Operazione delle forze dell’ordine, oltre 7.500 veicoli controllati e diverse sanzioni effettuate

Ha avuto inizio nel tardo pomeriggio di venerdì 26 maggio 2017 il primo esperimento nel Lazio di operazione di polizia stradale congiunta di diversi Comandi di Polizie Locali di territori limitrofi. L’attività, denominata #viadeilaghisicura (hastag...

Bar e pub sotto controllo in pieno centro a Roma, l’operazione

Proseguono senza soste i controlli amministrativi degli agenti della Polizia di Stato sulle attività commerciali situate alla Balduina. Gli agenti del commissariato Monte Mario hanno passato al setaccio, in particolare,  bar e pub dove si...

Roma, concerti e movida: forze dell’ordine in campo con gli organizzatori

È contenuto in un’ordinanza di servizio, diramata questa mattina dal Questore Guido Marino, il piano per la sicurezza per le numerose iniziative musicali e della movida, in programma sul territorio della capitale con l’arrivo...

Roma, carabinieri arrestano 14 borseggiatori in centro

Impegnati a fotografare o ammirare i monumenti, intenti nello shopping, in attesa o a bordo dei mezzi pubblici. Così le ignare vittime, tutti turisti, venivano derubate da 14 “manolesta”, che nelle ultime 72 ore,...

Violenta rissa tra stranieri in centro: 5 in manette

Probabilmente una eccessiva assunzione di alcol ha portato, la scorsa notte, cinque cittadini cinesi a perdere il controllo e a scatenare una violenta rissa in strada, per futili motivi. A sedare lo scontro ci...