Un romano sfida il signore della Kickboxing mondiale: Casella vs Kyshenko

Sabato 10 giugno i 38 migliori fighter del Pianeta si sfideranno al torneo del Kunlun Fight

0
618

Alea iacta est. La sfida è stata lanciata. Il romano due volte campione del mondo Wako e Wako Pro Gabriele Casella aveva chiesto un match al più forte fighter in circolazione negli 80 kg, Artur Kyshenko. Il combattente ucraino ha accettato. Il 22enne italiano è partito il 3 giugno alla volta di Bangkok. E sabato 10 giugno, sotto la guida del maestro Paolo Liberati, affronterà Kyshenko al Kunlun Fight 62. A seguire la più prestigiosa serata di Kickboxing al mondo organizzata dalla promotion cinese Kunlun saranno circa cinquecento milioni di telespettatori in decine di Paesi. In Oriente la Kickboxing è lo sport più popolare, per questo l’evento andrà in onda anche sul canale cinese CCTV5.

LA SFIDA AL CAMPIONE UCRAINO

Tutto ha avuto inizio all’Atlantico di Roma, teatro della notte bianca dei combattimenti organizzata dalla promotion cinese del Kunlun Fight 58. Casella era lì come spettatore e ruppe il rito del cerimoniale della serata: salì sul ring, prese il microfono e chiese a Kyshenko di fare un incontro tra gli applausi dei presenti, entusiasti del fuori programma. Il gesto, ripreso dalle telecamere, divenne virale nel circuito planetario dei social. L’ucraino, affascinato dalla caparbietà dell’atleta del Team Liberati Sap Italia (prima di lui nessuno aveva osato sfidarlo, avendo perso pochissimi incontri su 215 disputati), accettò. Casella, 75 match all’attivo (70 vittorie) tra Kickboxing, Pugilato, Muay Thai (ha vinto recentemente il titolo mondiale) e Full Contact, è felice al pensiero di poter competere con un campione come Kyshenko, idolo di tantissimi di giovani, e vede in questo match una grossa opportunità sia professionale sia personale.

IL KUNLUN FIGHT

La serata inizierà nel tardo pomeriggio di sabato 10 giugno e vedrà i 38 migliori combattenti al mondo sfidarsi fino all’ultimo colpo (in totale 19 match, quello dell’atleta romano sarà il terzo in programma). Casella sarà il primo italiano nella storia di questa competizione a combattere negli 80 kg e in caso di vittoria sarà il secondo azzurro nella storia del Kunlun Fight a vincere un incontro in questa categoria.

LA PACE DEL GUERRIERO

Casella si impegnerà al massimo per battere il mito della Kickboxing mondiale e regalare a se stesso e all’Italia uno storico trionfo che festeggerebbe il 20 luglio all’Ippodromo Capannelle di Roma in occasione del concerto dei Red Hot Chili Peppers. Il suo desiderio è portare gli sport da combattimento fuori dagli stereotipi della violenza. Per questo sul ring recita Gandhi a migliaia di spettatori e porta sempre con sé la musica del suo artista preferito, Fabrizio De André. Bisogna avere la pace dentro per essere guerrieri.

LASCIA UN COMMENTO

È SUCCESSO OGGI...

Al Bioparco fine settimana dedicato agli oranghi

In occasione la Giornata mondiale dell’orango, sabato 19 e domenica 20 Agosto al Bioparco si svolgeranno due giornate dedicate a questi affascinanti ed intelligentissime scimmie antropomorfe. Presso l’area degli oranghi, dalle ore 11.00 alle 14.00...

Chiusura in grande stile per il Valmontone Outlet con lo show “Live in Tokyo”...

Chiusura in grande stile per il Valmontone Outlet, la manifestazione che nei mesi di luglio e agosto ha ospitato concerti live e spettacoli gratuiti nel villaggio dedicato allo shopping in provincia di Roma. Sabato 19...

Molesta la ex con messaggi e telefonate: sequestrato un arsenale

È finito con la denuncia a piede libero per atti persecutori del suo aguzzino e con il sequestro di 2 fucili, 2 pistole e una balestra completa di frecce, l’incubo di una barista romana,...

Montanari: «Per tutto agosto pulizia grandi arterie stradali di Roma»

“Continuano per tutto il mese le operazioni di pulizia delle grandi arterie della Capitale iniziate lo scorso 6 agosto sulla via Laurentina. Fino a domani gli operatori di AMA lavoreranno su via Aurelia, poi...

Atac: «Non esiste alcun “documento riservato”, nessun pericolo sicurezza»

«Con riferimento all'articolo apparso oggi sulle pagine del Messaggero dal titolo "Atac, nuovo sos sicurezza. Sui treni della metro A maniglie d'allarme ko", Atac precisa che non esiste alcun "documento riservato", ma solo una...