Calcio mon amour: stadio ma quanto mi costi?

Andare allo stadio non è certo una spesa per tutte le tasche, fate con noi questo viaggio alla scoperta di prezzi e servizi nei maggiori impianti italiani e stranieri. A Monaco si va a vedere una partita del Bayern pagando come al cinema

0
2171
Calcio, Stadio Olimpico dove giocano As Roma e Ss Lazio

Non siamo in piena campagna, ma le tante polemiche che spesso ascoltiamo dei tifosi ci hanno portato a sbirciare un po’ su internet e a verificare prezzi e situazioni degli abbonamenti allo stadio. Ovviamente guardando prima di tutto in casa nostra e poi anche all’estero.

PREMESSA – Non si può fare di tutta l’erba un fascio, troverete prezzi strani, a volte esageratamente alti, a volte esageratamente bassi, ma soprattutto in riferimento all’estero c’è da considerare il diverso costo della vita (e in alcuni casi anche una moneta diversa dalla nostra), e perchè no anche delle strutture, che sono ben differenti rispetto ai nostri stadi, piuttosto obsoleti. Non abbiamo preso in considerazione i prezzi dei biglietti delle singole partite, perchè variano di volta in volta, in base all’avversario e spesso ci sono anche delle offerte se le vendite non stanno andando proprio al massimo.

Il riferimento è alla stagione calcistica 2014-2015, i prezzi di fatto sembrano nella media, non ci sono stati aumenti particolari, ma c’è anche una crisi di mezzo, lo spettacolo del calcio che non è sempre il massimo (almeno in Italia) e magari anche tanti piccoli disservizi che non rendono piacevole passare un pomeriggio allo stadio. E poi non dimentichiamo che il tifoso mette in conto il costo per recarsi alla struttura (quando non va in trasferta), per mangiare e bere, per comprare i gadgets del club e magari l’abbonamento tv per seguire campionati e coppe. Insomma stadio o calcio davvero “caro” in ogni senso. Una passione che costa di più o quanto un’amante, sempre che per alcuni non sia una vera e propria moglie!

LEGGI ANCHE – Calcio, tra allenatore dell’anno e pallone d’oro. Tu chi voteresti?

AS ROMA – Cominciamo il nostro piccolo viaggio dall’As Roma, una delle squadre della capitale che gioca, come i cugini della Ss Lazio allo Stadio Olimpico di Roma (inaugurato nel 1953, ristrutturato nel ’90 e nel 2008, capienza 72.968 posti a sedere, con pista d’atletica e copertura). La società giallorossa per gli abbonamenti prevede formule speciali: Tevere sud famiglia, over 65, donna, under 14, disabili e scuole calcio.

Considerando anche le carte Privilege e Home, per abbonamenti interi, i costi sono per le Curve tra i 265 e i 270 euro, per i Distinti Sud e Nord dai 395 ai 400 euro, per la Tribuna Tevere Sud Famiglia 345-350 euro, Tribuna Tevere 875-880 euro, Parterre Tribuna Tevere 435-440 euro, Tribuna Monte Mario 895-900 euro, Tribuna Monte Mario Top 1.350-1.355 euro, Tribuna Tevere non deambulanti con accompagnatore e Tevere invalidi 100% con accompagnatore 370-375 euro. Prezzi che salgono nella vendita libera ma di circa 15/30 euro per alcuni settori e quasi di 65/100 euro per il top.

C’è poi la Tribuna d’Onore, area hospitality, Premium che offre tanti comfort e il posto auto, ma dei prezzi di questa stagione non c’è molta traccia, anche se articoli del 2012 parlavano di prezzi tra i 4000 e i 9000 euro. Ma che succederà ai costi se verrà costruito il nuovo stadio? Subiranno un aumento offrendo in cambio una struttura nuova e con una “vista” migliore?

LEGGI ANCHE – Calcio, Roberto Mancini è il nuovo allenatore dell’Inter. Tremano Roma e Juve

SS LAZIO – Le tariffe anche qui per la stagione in corso variano a seconda delle promozioni (vecchi abbonati, donne, under 16 e over 65, e poi c’è il “cucciolone” prezzo simbolico di un euro valido per 15 partite). In questo caso la Tribuna d’Onore centrale ha un abbonamento di 3.600 euro che scende a 1.600 nel caso delle riduzioni Under 16 e Over 65; la Tribuna d’Onore sinistra costa 2.150 euro (1.100); Tribuna Monte Mario euro 900 (800 per i vecchi abbonati, 350 per donne-under 16-over 65, 800 per provincia e wolrd, 1 euro per il cucciolone).

La Tribuna Tevere Top ha un prezzo intero di 800 euro (vecchio abbonato 700, donne-under 16-over 65 300, provincia e world 700, cucciolone 1 euro); Tribuna Tevere 550 euro (450/250/450/1 euro); Curva Nord, Distinti Nord-Ovest, Distinti Nord-Est e Distinti Sud-Esta 220 euro (200/140/200/1 euro). La Lazio presenta dei prezzi più bassi rispetto agli abbonamenti della Roma, ma a volte in gioco entrano anche il blasone del club e i risultati della precedente stagione.

JUVENTUS – La formazione bianconera ha uno stadio nuovo di zecca, 41.000 posti a sedere, 4.000 posti auto, inaugurato nel 2011 è sicuramente uno degli stadi più belli e moderni presenti in Italia. Anche qui gli abbonamenti sono interi, Under 16 e 18, donne e invalidi, ma cambiano tra chi rinnova e chi lo sottoscrive per la prima volta (variazioni tra i 40 e 200 euro a seconda della scelta del settore).

Un “vecchio abbonato” paga 630 euro per la Tribuna Ovest Laterale 1 e 315 un Under 16; 470/235 per la Tribuna Ovest Laterale 2; 620/310 Tirbuna Ovest 2; 1.200/600 euro (600 anche per gli invalidi) per la Tribuna Est Centrale 1; 770/385 per la Tribuna Est Centrale 2; 630/315 euro Tribuna Est Laterale 1; 520/260 Tribuna Est Laterale 2; 400/200 Tribuna Nord/Sud Est 2 laterale; 590 intero e 295 per donne e Under 18 Tribuna Family; 390/195 Tribuna Sud e Nord 1-2. Si può acquistare anche un posto auto per circa 200 euro. Secondo le statistiche la Juve in Italia ha i prezzi in media più alti, ma c’è il blasone e uno Juventus Stadium unico al momento nella nostra penisola.

LEGGI ANCHE – Ebola, As Roma e Ss Lazio: precauzioni in vista della Coppa d’Africa?

NAPOLI – Inaugurato nel 1959 (ristrutturato nel ’90 e poi negli anni 2010-2013) lo Stadio San Paolo di Napoli ha una capienza di 75.000 persone, anche se si parla di 60.240 posti omologati. Qui la suddivisione appare più semplice tra prezzi interi e ridotti (under 14, donne e over 65) nei vari settori: Curva 275/230 euro, Distinti 570/420, Tribuna Nisida 600/440, Tribuna Posillipo 1140/720, Tribuna d’Onore 2500 che comprende ospitalità e parcheggio. Anche in questo caso siamo nella media con i prezzi degli altri club.

ALL’ESTERO – In Spagna, il Real Madrid ha deciso di non aumentare i prezzi degli abbonamenti della stagione in corso vista la crisi economica generale. In questo caso gli abbonamenti più bassi, quello del 4° livello, hanno un costo di circa 220/270 euro per le gare della Liga, mentre per la Tribuna Laterale Ovest i prezzi sono compresi tra 1.840 e 2.384 euro. In più qui si paga una quota annuale fissa di 149 euro. È prevista anche la cessione per un anno dell’abbonamento per motivi vari (economici, di studio o lavoro). Ma c’è da dire che gli stadi della Spagna sono davvero favolosi, anche solo da visitare o per passare qualche ora tra store e caffè. E se vogliamo aggiungere magari anche i campioni in campo fanno la differenza. In Italia si salvano quelli di alcune grandi squadre, ma non delle piccoline, che fanno a volte venire i brividi.

LEGGI ANCHE – Nazionale, il ritorno di Cerci e Balotelli. Per Zola pochi talenti

CONFRONTI – In Francia per la campagna abbonamenti 2014-2015 non sono mancate le polemiche per un avviso arrivato ai tifosi del Psg di un aumento pari al 20-30% del prezzo per dei servizi e uno spettacolo migliore. Paris Saint Germain con tessere più care di sicuro di tutta la Ligue 1, alcuni dicono anche d’Europa: si va dai 430 ai 2700 euro, ma sono comprese le partite di campioni e coppe nazionali ed europee. In Italia invece società come la Roma hanno fatto dei mini abbonamenti Champions. Sorprendono i costi per seguire il Barcellona, che ha una media per abbonamento di 1000 euro (in Italia è praticamente la somma che si paga per seguire il Parma, il tutto con i dovuti raffronti), così come l’Atletico Madrid, Inter (1250 euro) e Milan (circa 200 euro per gli anelli blu e verde fino a salire ai 400/500 degli anelli migliori, con tribune d’onore arancio e rosse che hanno prezzi dai 2.500 ai 4.600 euro).

BAYERN MONACO – Quanto costa vedere una partita del forte Bayern Monaco? In campionato circa 70 euro in tribuna centrale, e poi leggi di abbonamenti da 130 euro o giù di lì. I tedeschi hanno un politica bella che sarebbe da adottare: il calcio deve essere per tutti. Tanto che il club ha deciso di togliere a fine stagione gli abbonamenti a chi ha assistito a meno di otto match, non vogliono avere lo stadio deserto se uno ha la tessera ma non si presenta. E sempre per la stessa politica di prima, assistere a una partita in piedi costa – udite udite – 7,50 euro praticamente un biglietto del cinema, e in uno stadio che vale la pena anche solo di vedere, e che tra l’altro nonostante la struttura nuova l’aumento del 40% come successo in altre città non c’è mai stato. La Bundesliga presenta così l’affluenza media pià alta di tutta la Uefa. Fate voi le conclusioni.

 

[form_mailup5q] newsletter generale

È SUCCESSO OGGI...