La Virtus Roma saluta Guido Saibene: torna in panchina Attilio Caja

0
490
virtus-roma-guido-saibene-esonero foto pizzi

Quattro sconfitte in quattro partite, zero punti in classifica. Un inizio disastroso come nessuno avrebbe mai immaginato e così la Virtus Roma ha deciso di salutare coach Guido Saibene e di accogliere di nuovo tra le sue braccia Attilio Caja.

L’ADDIO  La società capitolina ha deciso quindi di risolvere il contratto con il tecnico Guido Saibene, ringraziandolo per il lavoro svolto, e augurandogli migliori fortune, umane e professionali. Insomma arrivato con tanto entusiasmo, purtroppo la situazione non ha giocato a favore di Saibene che ha dovuto mettere mano a una squadra profondamente modificata in ogni assetto.

IL CAMBIO – La società ha poi comunicato di aver sottoscritto un accordo su base biennale con il tecnico Attilio Caja, che sarà il nuovo allenatore della squadra capitolina. Caja, che con 283 presenze è il coach che con la Virtus ha totalizzato più panchine in campionato, torna nella Capitale a distanza di 13 anni dalla sua ultima esperienza. Caja sarà presentato giovedì 29 ottobre alle ore 11 presso la sala stampa del palasport.

LA CARRIERA – Nato a Pavia il 20 maggio 1961, Caja comincia la sua carriera di allenatore nel ’92 proprio nella squadra della sua città, guidando la Pallacanestro Pavia per due stagioni. Segue la prima delle due esperienze romane, dal ’94 al ’99, nella quale vince il premio di “Allenatore dell’anno” nel ’96, porta la Virtus ai playoff in quattro occasioni e raggiunge anche la semifinale di Coppa Korac nel ’98. Dopo aver guidato Pesaro, Caja ritorna a Roma nel 2000, anno in cui vince la Supercoppa Italiana. Con la Virtus trascorre altre due stagioni, concluse entrambe ai quarti di finale dei playoff.

Nel 2002 accetta la chiamata dell’Olimpia Milano dove rimane due anni, esperienza a cui fanno seguito le panchine di Napoli, Roseto e Novara. Tornato a Milano nel 2007, con i meneghini raggiunge le semifinali playoff. Dopo due esperienze a Udine e Cremona guida i Crabs Rimini fino al terzo posto in A2, prima di tornare a guidare Cremona, dove rimane fino al 2012.

Nelle ultime due stagioni, oltre ad aver allenato Firenze e Varese, dove è subentrato in una situazione complicata e ha quasi sfiorato i playoff, Caja è tornato anche a guidare la Nazionale Sperimentale – a fianco dell’ex tecnico di Roma Luca Dalmonte -, con la quale aveva già conquistato la medaglia d’argento ai Giochi del Mediterraneo del 1997.

La Virtus Roma ringrazia l’Eurobasket Roma per aver dimostrato grande disponibilità a favore del basket romano e della Virtus.

LE DICHIARAZIONI – «Voglio ringraziare l’ingegner Toti – ha detto Attilio Caja – per la fiducia dimostratami nel darmi questo incarico, allo stesso tempo voglio ringraziare Armando Bonamici che si è dimostrato un amico assecondando la mia voglia di tornare in panchina. Si tratta di una sfida affascinante nella quale metterò le mie energie e le mie conoscenze, con l’intento di aiutare tutti a fare il meglio possibile per restituire alla Virtus la posizione che merita».

«Riapriamo un discorso interrotto anni fa – ha invece spiegato il presidente Claudio Toti -, nella speranza di poter recuperare quell’entusiasmo che era venuto meno. La durata biennale è testimonianza della volontà di dare una prospettiva di futuro al club. Sappiamo che il lavoro da fare è tanto, ma vogliamo raddrizzare questa stagione che servirà anche a traguardare la prossima».

Foto Paolo Pizzi

[form_mailup5q lista=”virtus roma”]