Presentato il programma dell’Auditorium per quest’anno

0
19

E' stato presentato questa mattina all'Auditorium Parco della Musica il programma 2011-2012 della Fondazione Musica per Roma. A illustrare le novità, il presidente della Fondazione Aurelio Regina, l'amministratore delegato Carlo Fuortes. Tra i presenti, il presidente della Regione Renata Polverini, il sindaco di Roma Gianni Alemanno, l'assessore provinciale Cecilia D'Elia. La stagione si arricchisce e la formula non cambia – spiegano dalla Fondazione – Al nono anno di vita la Fondazione Musica per Roma prosegue lungo il percorso che, fin dall’inizio, le ha permesso di proporre un programma composito e accessibile, sperimentale e popolare al tempo stesso cercando di abbattere gli steccati esistenti tra le aree culturali e di dimostrare che la cultura è un gioiello a disposizione di tutti, anche in tempi di crisi. 

 
In effetti ciascuno può trovare all’interno della stagione 2011 – 2012 della Fondazione Musica per Roma gli appuntamenti di suo interesse, alla portata del suo bilancio. A scorrere gli elenchi degli artisti e degli spettacoli di questa cartella stampa vengono le vertigini. Ma, invece di perdersi nell’imbarazzo della scelta, tra centinaia di nomi in grassetto e centinaia di titoli in corsivo, è possibile suggerire alcuni itinerari personalizzati all’interno della stagione. Delineare, per esempio, un percorso dal gusto romantico-umanistico, selezionando, con l’aiuto del consulente musicale Flavio Severini, alcuni concerti evergreen (Antony, Paco de Lucia, Gino Paoli, Ray Gelato, Raphael Gualazzi, Claudio Baglioni, Pino Daniele), un progetto inedito come “Memorie di Adriano” dedicato alle canzoni del clan di Celentano (con Peppe Servillo, Javier Girotto, Fabrizio Bosso, Furio Di Castri, Rita Marcotulli, Mattia Barbieri) , o l’omaggio ai canti di Rabindranath Tagore con la voce narrante di Giuseppe Cederna , ma anche un paio di appuntamenti con la Roma Sinfonietta (Ennio Morricone, Luis Bacalov), un Gospel durante il Natale all’Auditorium, una Lezione di Musica (ad esempio quella di Ludovico Einaudi , artista residente di questa stagione che, oltre alla direzione dell’Orchestra della Taranta, proporrà diversi progetti in corso d’opera); un percorso che potrebbe assumere connotazioni storiografiche nel ripercorrere le tappe fondamentali delle vicende dell’umanità insieme ai massimi esperti che la domenica mattina conducono in sala Santa Cecilia una delle ricercatissime Lezioni di Storia , ma anche in compagnia di uno dei protagonisti dei Processi alla storia o del serial Cantando sotto la storia.