Festival di Sanremo, il Codacons appoggia ricorso al Tar su gara giovani

0
27

Il Codacons ha deciso di intervenire in giudizio dinanzi al Tar del Lazio appoggiando il ricorso notificato pochi giorni fa da 4 giovani cantanti contro il bando RAI che regola l'accesso a Sanremo Giovani 2012. Il nuovo regolamento relativo alla sezione ''Giovani'', infatti, spiega l'associazione, ''limita inaspettatamente l'accesso alle selezioni del Festival ad artisti di età compresa tra i 14 e i 28 anni (29 anni non ancora compiuti), in controtendenza rispetto alla linea tradizionalmente seguita dal Festival che garantiva l'accesso alle nuove proposte fino ad un'età di 36 anni.

Oltre alla gravità del messaggio culturale che nega un posto all'interno della più importante manifestazione canora nazionale a una intera generazione di artisti estremamente prolifica e vitale per la sperimentazione musicale italiana (si pensi ad esempio a Raphael Gualazzi, nato nel 1981, ultimo vincitore del Festival nella sezione 'Giovani' nonché tra gli artisti italiani più famosi al mondo, il quale non sarebbe rientrato tra i partecipanti al Festival se l'anno scorso fosse stato posto in essere un bando così limitativo), il bando Rai introduce una grave 'disparita' di trattamento''rispetto al regolamento di Area Sanremo, manifestazione organizzata da Sanremo Promotion e dal Comune di Sanremo che garantisce da sempre l'accesso al Festival di una percentuale minima (25-30%; quest'anno 2 concorrenti) di artisti vincitori del suddetto concorso''.

Il Codacons appoggia il ricorso sottoscritto da quattro artisti over 28 (Davide Misiano, Gaetano Massaro, Emil Spada, Angela Ruggiero) patrocinato dall'Avvocato Francesco La Gattuta, in cui si chiede il blocco immediato delle selezioni, eccependo ''l'illegittimità dell'esistenza di due bandi diversi che consentono l'accesso al Festival Italiano: il primo con un limite di età 14-29; il secondo con un limite di età 16-36. Agli over 28 pertanto solo un'unica possibilità di accesso al Festival: quella economicamente dispendiosa che comporta una quota di iscrizione oltre che settimane obbligatorie di stage e di selezioni nella citta' di Sanremo; mentre per i partecipanti di Sanremo Social la possibilità di caricare su facebook il proprio video comodamente da casa e rientrare gratuitamente nella rosa dei papabili''.