“Enlarge your penis” 2012, il nuovo tour di Elio e le storie tese

0
72

Detto in inglese ha un suono semplicemente più dolce, eppure non meno diretto. Anzi, per dirla tutta, i suoi effetti british sono a dir poco dirompenti, e distruttori: per lo meno via web. Perchè l’“Enlarge your penis” tour degli Elio e le Storie Tese è stato battezzato così non per pura e semplice vocazione alla volgarità – non poteva essere nello stile della band – . Come fossero dei Beatles dall’italica ironia, gli Elii hanno studiato tutto apposta per creare deliberatamente scompiglio ai filtri antispam dei maggiori provider di posta elettronica. Un vero e proprio gioco di cilindro, o meglio, un “millennium bug” di inizio 2012 che sta lanciando in modo esplosivo, imprevedibile e senza mezze misure il loro nuovo giro d’Italia teatrale, che inizierà il 25 Gennaio da cascina e terminerà il 4 Aprile in quel di Matera.

In mezzo, tutte o quasi le maggiori città della Penisola, con l’immancabile, sentitissima doppia tappa romana del 27 e 28 gennaio: due date speciali in una location ancora più speciale. A fare da cornice al loro strambo, geniale, originale, intelligente e irriverente concerto sarà infatti l’Auditorium di via della Conciliazione,che per l’occasione smetterà i panni – sempre elegantissimi – di cerimoniere di alta corte e si getterà nella mischia insieme al sempre nutrito pubblico degli Eelst, tra risate inquinanti e passi scatenati di disco music.

Eppure è bene ricordarlo, Elio (al secolo Stefano Belisari) e compagnia non sono affatto un gruppettino per adolescenti tutto schitarrate e “cazzo” e “culo” et similia sempre sulla bocca. Il loro rock è demenziale, certo, ma assolutamente colto, ricco di citazioni, florido di virtuosismi, Zappiano nella resa così come nell’ispirazione. E per essere all’altezza di quel mostro di nome Frank non potevano che esserci, dietro a melodie e pentagrammi, fior fior di musicisti del calibro di Rocco Tanica alle tastiere, Cesareo alla chitarra, Faso al basso, Christian Meyer alla batteria, Jantoman (ulteriori tastiere), Paola Folli (cantante) e persino di quel Mangoni, compagno di scuola di Elio, definito e definitosi “artista a sé”.

Nati come gruppo a Milano tra la fine degli anni Settanta e il 1980 ad opera di Elio, la prima formazione esordisce nel concerto tenutosi nel luglio 1980 alla festa del Caf San Siro davanti a un pubblico di unadecina di pensionati, è composta da Elio (chitarra e voce), Cortellino (basso) e Zuffellato(batteria). A Cortellino succederà Chiosco e poi Scaffale, fino all’arrivo nell’85 di Faso, oltre il quale non è davvero possibile andare. Zuffellato lascerà il posto a Cosma e poi, dall’entrata di Rocco Tanica nel 1982 fino all’arrivo di Christian Meyer nel 1988, il “posto” scompare, sostituito dalla più economica e meno ingombrante Drumulator di Rocco Tanica, del quale i frequentatori del Magia Music Meeting di via Salutati ricorderanno i divertenti siparietti, ogni tre canzoni, per ingannare l’attesa del caricamento della song da registratore a cassetta. All’inizio Elio, oltre a cantare, è anche il chitarrista del gruppo poi, quando nell’84 arriva una delle migliori chitarre rock della piazza milanese, Cesareo, preferisce dedicarsi a fare il frontman a tempo pieno con misuratissime incursioni di flauto traverso. Nel 1988, la bravura e la verve di Christian Meyer hanno ragione della Drumulator e, più o meno contemporaneamente, entra nel gruppo Feiez; canta, suona le percussioni, il sax, la chitarra, fa ridere, il tutto a livello Elio e le Storie Tese (cioè altissimo): il sogno di ogni band sulla faccia della terra, durato dieci anni, grazie Feiez. Nel1992, all’inizio per volontà di Elio e, ben presto, per acclamazione, entra a far parte della band (pur rimanendo, come dice Elio, “un artista a sé”) Mangoni, compagno di classe di Elio al liceo, che viene chiamato a fare se stesso sul palco (un pirla, icona definitiva del pirla che è in ciascuno di noi) pur essendo nel frattempo diventato marito e padre amorevole nonché stimato architetto (autore, tra l’altro della “Mangoni Tower” di via Nervesa, facilmente visibile a chi transita sul cavalcavia da Piazzale Bologna a Piazzale Cuoco, guardando verso sinistra). Ultimo arrivato, nel 1999, Jantoman o, come sempre più a furor di popolo sembra accreditarsi, “Uomo” che, in simbiosi perfetta con Rocco Tanica,condivide le numerose e complesse parti di tastiera e costituisce il “polo tecnologico” di Elio e le Storie Tese, in continua dialettica con il versante “analogico” di Faso, Meyer e Cesareo, i performer puri del gruppo.

È SUCCESSO OGGI...

corda impiccato genazzano suicidio

Orrore a Genazzano: si impicca all’albero del suo giardino

Attimi di terrore negli occhi di alcuni passanti. Un uomo, ancora vivo, penzolava impiccato a un albero. Immediatamente hanno chiamato il 112 e, miracolosamente, l'aspirante suicida è stato salvato. Lo scioccante episodio è accaduto...
tuscolano

Crolla terrazzo di un palazzo al Tuscolano: grave un uomo

Dramma al Tuscolano, questa domenica mattina. Il terrazzo di un palazzo è improvvisamente crollato. Un uomo che stava stendendo i panni ad asciugare al sole è rimasto gravemente ferito. L'episodio è accaduto in via...
videocamera furti borse cellulari alberghi roma

Il trucco per rubare borse e cellulari: videocamera svela come agivano

Operava negli alberghi del centro di Roma. Erano una vera e propria gang latino americana. Rubavano borse e oggetti di valore agli ospiti degli alberghi. E il modus operandi era sempre lo stesso. La...

Ss Lazio, sestina che profuma di Europa – LE PAGELLE

Vittoria in goleada per la Lazio di Simone Inzaghi che stende per 6-2 il Palermo e riconquista il quarto posto in classifica, momentaneamente occupato dall'Atalanta dopo il successo di ieri. Una vittoria mai in discussione...
ladro di biciclette

Ottantenne muore in carcere: addio al ladro di biciclette

Era stato soprannominato il ladro di biciclette perché di due ruote, nel corso della sua vita, ne aveva rubate migliaia. Non per necessità. Né per indole da malfattore. Ma perché affetto da una forma...