Tv: domenica 19 torna “Affari tuoi” con Max Giusti

0
30

Il fortunato programma preserale “Affari tuoi” da domenica 19 febbraio torna su Rai1 con Max Giusti. La conferenza stampa di presentazione della trasmissione, giunta alla nona edizione, si è tenuta oggi al teatro delle Vittorie. Un nuovo studio, una nuova scenografia e numerose novità come il “pacco matto”, che ogni sera riserverà sorprese belle e meno belle, come il messaggio di “Arrivederci”, che costringe il concorrente in gioco ad abbandonare la partita, tornare al proprio posto e lasciare che a proseguire sia il concorrente di un'altra regione.

“Un marchio importante al quale vogliamo molto bene e che è andato in onda sempre con successo, sia in access che in prime time, sia negli speciali in prima serata”, ha affermato il direttore di Rai1 Mauro Mazza. “Il mio auspicio è di fare in modo di tutelare questo programma di modo che possa giocarsela nella partita degli ascolti”, ha aggiunto. “Quest'anno il concorrente può non terminare la partita ed essere costretto a cedere il posto ad un altro “pacchistà, poi c'è la possibilità di raddoppiare il premio in palio da 500.000 fino a 1 milione di euro”, ha detto Max Novaresi, anche quest'anno in veste di “Dottorè al fianco di Giusti. “Sono contento di rifare questo programma, perchè si tratta di un gioco politicamente corretto e assolutamente portatore di guadagni per l'azienda. Mi piacerebbe stare ad “Affari tuoi” ancora per molti anni e come Gianni Alemanno starò lì a spalare pacco dopo pacco”, ha detto Max Giusti ironizzando sulla situazione di disagio causata dalla neve a Roma. “Si tratta di un programma che costituisce un'opportunità di svago e di divertimento, dopo tanti programmi di approfondimento. Quest'anno ci sarà un po’ di sana crudeltà”, ha continuato auspicando di poter portare il programma anche in prima serata.

“Affari tuoi” è un programma di Rai1 prodotto in collaborazione con Endemol Italia, firmato da Max Novaresi, Marco Perrone, Sonia Mastellone, Claudia Rebuttini, Alessandro Migliaccio, Stefano Fabrizi, Luca Passerini e Nicoletta Berardi. La scenografia è di Riccardo Bocchini, la regia di Stefano Mignucci. (Asca)