Musica: completata l\’autopsia su corpo Whitney Houston, escluso omicidio

0
18

Ancora nessuna notizia certa sulle cause della morte di Whitney Houston, trovata senza vita sabato nella vasca da bagno della sua camera al Beverly Hilton Hotel.

E' stata infatti completata l'autopsia sulla salma della star, ma sui risultati degli esami autoptici è stato imposto per il momento il ''segreto istruttorio per ragioni di sicurezza''. Ad annunciarlo il vice capo dell'ufficio medico-legale della contea di Los Angeles, Ed Winter, secondo cui le cause del decesso saranno stabilite una volta ricevuto l'esito delle analisi tossicologiche supplementari richieste dalle autorità competenti e per le quali potrebbero volerci settimane.

Sul corpo della cantante, tuttavia, non c'erano segni di trauma, anche se al momento nessuna causa di morte viene esclusa. ''Allo stato'', si è limitato ad aggiungere il medico-legale, ''non sussistono segni di omicidio''. Intanto Bobbi Kristina Brown, figlia di Whitney, è stata trasportata in ambulanza ad un ospedale di Los Angeles. La ragazza, 18 anni, è stata ricoverata e poi dimessa per stress e ansia.

La cantante e attrice americana, stella mondiale del pop finita nel tunnel della droga e dell'alcolismo, è morta nella notte tra sabato e domenica in un hotel di Beverly Hills, all'età di 48 anni. A comunicarlo una nota della polizia locale: ''Alle ore 15.55 (le 0.55 in Italia) Whitney Houson è stata dichiarata morta al Beverly Hilton Hotel'', dove alloggiava, alla vigilia dei Grammy Awards, gli 'Oscar' statunitensi della musica.

Numerosi i tributi e le manifestazioni di cordoglio per 'The Voice', tra i quali il messaggio di Aretha Franklin. ''Non so cosa dire – ha affermato la leggendaria artista – e' incredibile. Non potevo credere a quello che stavo leggendo sullo schermo della televisione''. La Houston ha dominato la scena pop e soul americana negli anni Ottanta e Novanta, vendendo 170 milioni di dischi. Tra le sue hit piu' celebri figurano ''How Will I Know'', ''Saving all My Love for You'' e ''I Will Always Love You'', colonna sonora di 'The Bodyguard' con Kevin Kostner e grande hit del 1992. (Asca)