MANNARINO, stornelli d’alto borgo

0
39

Una leggenda nel mondo del calcio racconta di un Luciano Moggi sornione, correva l’anno 2007, che pizzicato dalla stampa sul talento del milanista Kakà rispondeva: «Uno che si chiama così non può certo giocare nella Juventus». Per la cronaca, il giocatore brasiliano aveva vinto da qualche giorno l’ambito premio del Pallone d’Oro: era dunque il miglior calciatore d’Europa. Menomale che alla Universal non ragionano così, altrimenti che fine avrebbe fatto uno come Alessandro Mannarino? Non certo quella attuale, che poi in realtà è un inizio luminoso. Perché il cantautore romano è un punto fermo della celebre casa discografica, emancipatosi ormai da palchi e palchetti della Capitale (battuti uno a uno per anni e ancora anni) e pronto ad approdare stasera e domani addirittura sul nobilissimo parterre dell’Auditorium Conciliazione, dove concluderà il fortunato tour “L’ultimo giorno dell’umanitá” (andato esaurito ovunque).

Sono un ricordo i tempi del “dj con la chitarra”, quando si esibiva in strane session a cavallo tra il djing e il live acustico, così come quelli della “Kampina”, la band folk che formò nel 2006 al ritmo di trombone, basso, fisarmonica, batteria, violino e chitarra. Esperienze lontane nella memoria eppure mai uscite dal cuore del baffuto artista. E’ merito di quella gavetta se si è fatto conoscere, apprezzare, seguire e poi inseguire: performance dopo performance, festival dopo fesival, club dopo club e piazza dopo piazza. Da stornellatore de noantri Mannarino s’è guadagnato – cum laude – la promozione al ruolo di cantautore metropolitano, con le sue musiche di confine, eclettiche e contaminate. E ispirate ai suoni e ai volti di una via Casilina globalizzata dove Gabriella Ferri passeggia con Manu Chao e Domenico Modugno va a braccetto con Cesaria Evora.

Nei suoi testi, macchiati dai forti toni del surrealismo, si vivono storie oniriche e tragicomiche di pagliacci, ubriachi, zingari e innamorati. Partendo da sonorità e ritmi della musica popolare italiana, il talento messo in luce dalla Dandini nella trasmissione “Parla con me” condisce il proprio mondo con elementi di musica balcanica e gitana, citazioni felliniane ed evoluzioni circensi. Due album alle spalle e una recente raccolta intitolata “Capitolo uno” – che contiene anche l’inedito “Vivere la vita” – nella duegiorni al Parco della Musica rivisiterà per l’ultima volta, in chiave teatrale, i brani estratti dai suoi dischi “Il bar della rabbia” e “Supersantos”. Uno show ammaliante fatto di atmosfere e odori della strada, di ricordi e di speranze. Di sogni e di illusioni. Per mettere il punto al primo capoverso di una vita artistica che comunque sa già da dove ripartire. E cioè dal Foro Italico, il 4 luglio, prima tappa del prossimo tour di “Supersantos” intitolato guarda caso “The Resurrection”.

Francesco Gabriele 

È SUCCESSO OGGI...

Controlli dei Carabinieri auto notte movida

Arrestata a Roma borseggiatrice “da record”

I Carabinieri della Stazione di Roma Quirinale hanno arrestato per la 44esima volta una donna di 25 anni, di origini slave, domiciliata nel campo nomadi di via Pontina, all’opera, facendo anche da tutor ad...

Incendio a Ladispoli: abitazione in fiamme e uomo ustionato a una mano

Pomeriggio di fuoco, quello di questo lunedì, per i vigili del fuoco. Mentre tre squadre del comando di Roma erano alle prese con un vasto rogo sviluppatosi ad Ariccia, i colleghi di Cerveteri sono...

25 Aprile, a Roma una festa ad alta tensione

Gli appelli di istituzioni e associazioni tra cui quello del presidente del Senato, Pietro Grasso, non hanno avuto effetto e a Roma la festa della Liberazione, come lo scorso anno, sara' divisa in due:...
cerveteri

Cerveteri, acqua contaminata: è allarme sabotaggio

Potrebbe esserci un tentato atto di «sabotaggio» alla base della misteriosa contaminazione dell'acqua rilevata questa mattina a Cerveteri. Contaminazione che solo grazie al tempestivo intervento della ditta “Paganini Maurizio e Figli s.n.c.”, incaricata della...
Sigilli a un ristorante all'Esquilino

Roma, sigilli a un ristorante: dehors del locale completamente abusivo

Fine settimana di controlli da parte della Polizia Locale. Il reparto del supporto operativo Commercio su sede fissa del I gruppo Centro, ex Trevi, diretto dal dott. Roberto Stefano, ha messo i sigilli a...