MANNARINO, stornelli d’alto borgo

0
64

Una leggenda nel mondo del calcio racconta di un Luciano Moggi sornione, correva l’anno 2007, che pizzicato dalla stampa sul talento del milanista Kakà rispondeva: «Uno che si chiama così non può certo giocare nella Juventus». Per la cronaca, il giocatore brasiliano aveva vinto da qualche giorno l’ambito premio del Pallone d’Oro: era dunque il miglior calciatore d’Europa. Menomale che alla Universal non ragionano così, altrimenti che fine avrebbe fatto uno come Alessandro Mannarino? Non certo quella attuale, che poi in realtà è un inizio luminoso. Perché il cantautore romano è un punto fermo della celebre casa discografica, emancipatosi ormai da palchi e palchetti della Capitale (battuti uno a uno per anni e ancora anni) e pronto ad approdare stasera e domani addirittura sul nobilissimo parterre dell’Auditorium Conciliazione, dove concluderà il fortunato tour “L’ultimo giorno dell’umanitá” (andato esaurito ovunque).

Sono un ricordo i tempi del “dj con la chitarra”, quando si esibiva in strane session a cavallo tra il djing e il live acustico, così come quelli della “Kampina”, la band folk che formò nel 2006 al ritmo di trombone, basso, fisarmonica, batteria, violino e chitarra. Esperienze lontane nella memoria eppure mai uscite dal cuore del baffuto artista. E’ merito di quella gavetta se si è fatto conoscere, apprezzare, seguire e poi inseguire: performance dopo performance, festival dopo fesival, club dopo club e piazza dopo piazza. Da stornellatore de noantri Mannarino s’è guadagnato – cum laude – la promozione al ruolo di cantautore metropolitano, con le sue musiche di confine, eclettiche e contaminate. E ispirate ai suoni e ai volti di una via Casilina globalizzata dove Gabriella Ferri passeggia con Manu Chao e Domenico Modugno va a braccetto con Cesaria Evora.

Nei suoi testi, macchiati dai forti toni del surrealismo, si vivono storie oniriche e tragicomiche di pagliacci, ubriachi, zingari e innamorati. Partendo da sonorità e ritmi della musica popolare italiana, il talento messo in luce dalla Dandini nella trasmissione “Parla con me” condisce il proprio mondo con elementi di musica balcanica e gitana, citazioni felliniane ed evoluzioni circensi. Due album alle spalle e una recente raccolta intitolata “Capitolo uno” – che contiene anche l’inedito “Vivere la vita” – nella duegiorni al Parco della Musica rivisiterà per l’ultima volta, in chiave teatrale, i brani estratti dai suoi dischi “Il bar della rabbia” e “Supersantos”. Uno show ammaliante fatto di atmosfere e odori della strada, di ricordi e di speranze. Di sogni e di illusioni. Per mettere il punto al primo capoverso di una vita artistica che comunque sa già da dove ripartire. E cioè dal Foro Italico, il 4 luglio, prima tappa del prossimo tour di “Supersantos” intitolato guarda caso “The Resurrection”.

Francesco Gabriele 

È SUCCESSO OGGI...

Blitz antidroga a Roma, 6 arresti in poche ore

Continuano senza sosta i controlli dei Carabinieri della Compagnia Roma Piazza Dante a Piazza Vittorio Emanuele II, Termini e San Lorenzo, per contrastare fenomeni di degrado o di illegalità diffusa. Nelle ultime 24 ore, mirati...

Formello, litiga con vicino e spara

Un colpo di pistola a scopo intimidatorio è stato esploso ieri sera nel corso di una lite tra due vicini in località Le Rughe a Formello.   A litigare, da alcuni giorni, sono un 30enne ed...

Uova contaminate dal Fipronil: ecco i primi esiti dei controlli

Le attività di controllo svolte dai Carabinieri dei NAS, attualmente in piena fase esecutiva sul territorio nazionale, hanno fatto emergere due positività di uova contaminate per presenza della sostanza insetticida denominata fipronil che si aggiungono alle...
Sgombero Polizia Locale Roma

Roma, nuovo sgombero dei rifugiati accampati a piazza Indipendenza

Nuovo sgombero in corso per i rifugiati accampati in p.za Indipendena davanti allo stabile di via Curtatone sgomberato giorni fa dalle forze dell'ordine. Dopo il completamento, annunciato ieri sera dal Campidoglio, del censimento delle...

Ritmo e musica popolare con Ambrogio Sparagna al Museo di Roma

Tra serenate e cantate popolari, musica di strada e tradizionale, nell’ultimo sabato sera di apertura straordinaria del Museo di Roma sarà impossibile non venire contagiati dal ritmo. Infatti sabato 26 agosto lo splendido palazzo con vista su piazza Navona si prepara...