Il primo maggio, un CONCERTO chiamato desiderio

0
20

Maggio suona bene e martedì prossimo il tradizionale "Concertone" del primo maggio promette emozioni e tanta musica. Dalle tre pomeriggio fino a mezzanotte, a piazza San Giovanni, ci sarà una sfilata di alcuni fra i migliori talenti musicali italiani, chiamati a partecipare alla manifestazione organizzata ormai da undici anni dai sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil per celebrare la Festa dei lavoratori.

Il tema di quest'anno è la musica del desiderio, la passione, la speranza e il futuro e la conduzione della kermesse è affidata a due attori romani comici: Francesco Pannofino, sensualissima voce italiana di George Clooney ma soprattutto il mitico René della serie tv culto "Boris", e Virginia Raffaele, rivelazione della trasmissione "Quelli che il calcio" con le sue imitazioni di Belen Rodriguez e Ornella Vanoni, più vere del vero.

Tra le novità di quest'anno, la presenza su un terzo palco dell'orchestra Roma Sinfonietta, diretta da Mauro Pagani. Tanti i protagonisti di quest'anno. Caparezza tornerà per il sesto anno a far esplodere la piazza con le sue canzoni ironiche e caustiche, dopo aver fatto il pieno di applausi l'anno scorso (quando fu autore anche di un fuori programma: la produzione non voleva che cantasse durante la pubblicità ma a furor di popolo il presentatore Neri Marcoré fu costretto a farlo tornare sul palco e esibirsi). Tornano anche gli Afterhours di Manuel Agnelli e company, che presenteranno alcuni brani di "Padania", l'ultimo album uscito a inizio aprile. Spazio anche allo "stornellatore de' noantri" Alessandro Mannarino, uscito dalla sottobosco live della Capitale e appena reduce dal tour nazionale sold-out "L'ultimo giorno dell'umanità". Sul palco ci sarà anche il fidentino Dente, una delle realtà più promettenti dell'indie rock, ma anche i Teatro degli Orrori di Pierpaolo Capovilla, gruppo di punta del rock alternativo italiano in tour con l'ultimo album "Disco d'oro". E poi i napoletani Almamegretta, pioniere del raggae all'italiana, tra dub, canzoni napoletane e musica araba; la band folk rock romagnola dei Nobraino; il giovane cantante raggae pugliese    Mama Marjas   , i salentini   Sud Sound System  ,  tra pizzica e raggamuffin, A  Toys Orchestra , re  sident band della trasmissione di Fabio Volo "Volo in diretta", e gli americani   Young The Giant   (nuova promessa del rock made in Usa, il cui terzo sin golo "Cough Syrup" è già in radio). Unica presenza femminile la polistrumentista e cantautrice  Marina Rei .

Nella triplice veste di arrangiatore, musicista e direttore d'orchestra, Mauro Pagani guiderà   la Roma Sinfonietta più una resident band in un omaggio alla storia del rock, eseguendo le più belle canzoni degli ultimi cinquant'anni mentre su uno schermo saranno proiettati dieci video realizzati da artisti e registi. Tra loro c'è anche Stefano  Sollima (il regista della serie di "Romanzo Criminale" e di "Acab") che ha curato il video per "Shine on Your Crazy Diamonds" dei Pink Floyd. Aureliano Amadei ha girato quello per "Heroes" di David Bowie, Pier Belloni quello di "Won't Get Fooled Again" degli Who, Alex Infascelli ha girato "Karma Police" dei Radiohead (in attesa di vedere la band inglese esibirsi quest'estate all'Ippodromo Capanelle al Rock In), Riccardo Grandi "Kashmir" dei Led Zeppelin, mentre Piccio Raffanini ha curato il video di "Jumpin' Jack Flash" dei Rolling Stones, Riccardo Milani quello di "Like a Rolling Stones" di Bob Dylan e i Broz quello per "Purple Haze" di Jimi Hendrix. Giacomo Martelli ha realizzato il video "Straweberry Fields Forever" dei Beatles, che tornano anche con "Hey Jude" con il video di Luca Lucini in collaborazione con Cristina Seresini e Carlotta Cristiani. L'orchestra di Roma Sinfonienetta omaggerà ancora i Fab Four con l'esecuzione di alcuni brani strumentali sinfonici della colonna sonora del film "Yellow Submarine" (in occasione della rimasterizzazione digitale del capolavoro visionario dell'animazione anni Sessanta). L'anno scorso Lucio Dalla salì sul palco accompagnato dal collega e amico di una vita Francesco De Gregori e martedì sarà impossibile non ricordare il cantante bolognese scomparso il primo marzo.

Chiara Cecchini