JACK HIRSCHMAN, oltre la beat

0
18

E’ intimo amico dello storico editore della Beat Generation, Lawrence Ferlinghetti; ha bevuto allo stesso bancone di Jack Kerouac, Allen Ginsberg e Gregory Corso. Il poeta statunitense Jack Hirschman è ospite stasera al Circolo degli Artisti in un reading dedicato alla presentazione di una delle sue opere più importanti, “The Arcanes”, gli Arcani (Edizioni Multimedia-Casa della Poesia).

Accanto a lui, sul palco i membri della Revolutionary Poets Brigade di Roma: un gruppo di giovani scrittori e poeti gemellati con la nuova avanguardia poetica di San Francisco. Hirschman è stato il simbolo della protesta a stelle e strisce contro la guerra del Vietnam. Correva l’anno 1966 quando fu licenziato dall’Università di Los Angeles perché concedeva agli studenti il massimo dei voti pur di aiutarli a scampare il servizio militare. Da quel momento ha deciso di vivere dedicandosi alla poesia, alla letteratura e a un impegno sociale che oggi lo vede proiettato oltre l’eredità della Beat: i suoi versi scavalcano il concetto di movimento e di moda e sono vera e propria energia di strada che si trasforma in azione.