Autoreverse, la pazienza di aspettare

0
28

Suonare in un locale deserto, quasi dormiente, e a Piazza San Giovanni, sul palco del famoso Primo Maggio in musica, non è esattamente la stessa cosa. Se nel primo caso si parla di iniziali esperienze underground (in casi normali), nel secondo è qualcosa di più serio: visibilità in più, grande soddisfazione personale ed una bella vetrina sulla scena musicale, che è quello che ogni band sogna per il proprio futuro. Sembrerebbero ad un passo dall’ “uscita” gli Autoreverse, avendo calcato per ben due volte quello stage che ha ospitato negli anni grandi artisti del panorama italiano e facendo parte del roster di un’etichetta, la NerdSound Records, che di talenti in procinto di sbocciare non ne ha pochi. “Vogliamo affermarci lavorando sul tempo, costruendo con calma la nostra ‘fan base’ ed entrando nei cuori della gente con calma”, sono invece i progetti di Francesco Megha, Lorenzo Amoruso, Marco Lo Forti e Luca Alessandrelli, un bel calcio alla fretta, motivato però “dal fatto che non siamo bravi a creare brani di tendenza, magari ispirati a contesti politico-culturali, per poi strumentalizzarli e farli diventare hit della musica indipendente”. Sta di fatto che il loro pop-rock calzerebbe perfettamente nei panni dell’attuale scena musicale nazionale. Vicini al grande passo ci sono già stati alla vigilia di autoprodurre il loro esordio “Nessuna Verità”, uscito poi per l’etichetta sopracitata: che si tratti solo di un rinvio?… Intanto gli Autoreverse sono già al lavoro per scrivere materiale che formerà un nuovo album, nel tempo che resta prima di partire per un lungo tour per lo Stivale, ed i videoclip di “Polvere”, “Satelliti” e “Non Sogno”, singoli estratti dal primo album, in vendita anche su iTunes, accumulano non poche visite su Youtube…

 

Marco Reda

 

 

https://www.facebook.com/AutoreverseRockFacebook page

http://itunes.apple.com/it/album/nessuna-verita/id484595524 – “Nessuna VeritàiTunes link

"Polvere" official videoclip

"Satelliti" official videoclip