Kasabian, nessuno come loro (oggi)

0
129

Eredi degli Oasis, Stone Roses del Duemila. Addirittura i Fab Four hanno fatto scomodare (ma quelli, si sa, li scomodano sempre perché da sempre siedono sulla poltrona più comoda). Quando si parla di Kasabian volano etichette d’ogni tipo. Volano addirittura forme d'assolutismo: del rock britannico sarebbero i nuovi – in ordine di grandezza – imperatori, monarchi, sultani e sovrani. Parole, soltanto parole. Perché Pizzorno e soci lo sono da tempo una realtà del nostro tempo, anche se la realtà in questione rimane imparagonabile a quella dei fratelli Gallagher (e figuriamoci dei Beatles).

Il successo il gruppo di Leicester l’ha scoperto sin da subito: nel 2004 l’omonimo album d’esordio fu disco di platino nel Regno Unito e vendette quasi un milione di copie nel resto del mondo. Da allora sono passati otto anni, tre album in studio, decine e decine di sold out e fiumi di inchiostro che li hanno incensati: i Kasabian, adesso, i conti devono farli su se stessi. Su una carriera lampo nata in cima e che in cima, però, ci deve restare. E non è soltanto un banale risiko di numeri, di posizioni in classifica e di calcoli di “download” su iTunes. 

Per accedere davvero nell’olimpo dei più grandi serve proficuo rinnovamento; urge costante miglioramento. “Velociraptor”, la loro ultima fatica datata 2011, uno “step forward” in questo senso lo rappresenta. E’ un disco ispirato, trasversale e sperimentale; attraversa i tempi e fonde i generi. C’è il ritmo robotico e claustrofobico del kraut rock; ci sono gli anni ’70 con la loro psichedelia; c’è il garage dei ’90 e lo stile british delle melodie accattivanti. E' un approdo insomma, da cui però bisogna presto ripartire. Come fecero gli Stones, che sono arrivati a settant’anni a riempire stadi di calcio e di football americano. Come fece anche Macca, pur senza John, o George, o Ringo, e che ovunque paralizza intere città non appena vi mette piede per suonare. E poi i vari Roger Waters, Paul Weller, David Byrne e Morrissey. 

La domanda è se fra dieci, venti, trenta, quarant’anni sarà così anche per i Kasabian. “Who cares?” direbbero dalle parti di Sua Maestà. Per ora godiamoci il momento.

Francesco Gabriele

È SUCCESSO OGGI...

Antiche strada d’Italia: il viaggio di Osvaldo Bevilacqua arriva in libreria

La Via Francigena che tagliava l’Italia da Nord a Sud, la Salaria che la tagliava da Est a Ovest, la Rotta dei Fenici che toccava le affascinanti coste delle sue isole: più che tre...

Crisi Atac, chiesto Consiglio straordinario. «Situazione drammatica»

"Pensavamo che le parole di qualche settimana fa del Dg di Atac fossero solo un fulmine a ciel sereno in piena estate romana, ma forse ci sbagliavamo. Le dichiarazioni rilasciate anche oggi alla stampa...

Città Metropolitana, la scarsa trasparenza sui superstipendi dei dirigenti di un ente che...

La Città metropolitana di Roma è l'ente che ha ereditato le competenze della Provincia con qualche delega in più attribuita dalla Regione Lazio. Ma per dare una parvenza di democrazia, visto che nelle Città metropolitane  non si vota...

Campidoglio, ok ad assestamento di Bilancio: manovra da 132 milioni

L'Assemblea Capitolina con 28 voti a favore ha approvato l'assestamento di bilancio 2017-2019. Si tratta di una manovra da 132 milioni di euro redistribuiti tra parte corrente e in conto capitale, che stanzia maggiori risorse per...

“Finti” clienti derubano quelli “veri”: incredibile truffa a Roma

Si fingevano clienti all’interno di un negozio di scarpe sportive di via del Corso, per poi derubare i clienti veri, ma i Carabinieri della Stazione di Roma San Lorenzo in Lucina, durante i quotidiani...