L’ultimo film dei fratelli Taviani

0
82

Appuntamento con il cinema dei fratelli Taviani stasera all’arena del centro culturale Elsa Morante. Alle 20.30 è prevista la proiezione del film “Cesare deve morire”, una rivisitazione del “Giulio Cesare” di William Shakespeare ambientata nel carcere romano di Rebibbia.

Gli attori sono infatti alcuni detenuti della casa circondariale che, dopo i provini, sono stati scelti per interpretare i vari Cesare, Bruto, Cassio etc. Tra gli interpreti c'è anche Salvatore Striano (che interpreta Bruto) che, dopo aver conosciuto il carcere minorile e le sbarre di Rebibbia, dal 2006 ha intrapreso proprio la carriera di attore.

È SUCCESSO OGGI...

Con appena 56 milioni fra impianti compost e isole ecologiche già si parla di...

Sarà anche per l’approssimarsi della campagna elettorale per le regionali del prossimo anno, fatto sta che Nicola Zingaretti si è stancato di veder additato il Lazio fra le regioni più scassate d’Italia. Soprattutto per...

33 anni con Radio Rock: festa di compleanno a Villa Ada

Dal 1984 un “presidio” romano ispira - e sostiene - le giornate degli amanti della buona musica, seguendo il motto “Il mio dio è il rock'n'roll”. La frase è di Lou Reed, il presidio...

Bomba carta al centro accoglienza: paura a Rocca di Papa

"Abbiamo annullato il previsto sit-in previsto per stamattina a cominciare dalle ore 9 davanti dell'ex centro spirituale 'Mondo Migliore' sulla Via dei Laghi ai Castelli, utilizzato ormai da tempo come entro d'accoglienza per richiedenti...

Atac a un passo dal crac. Rota: «Schiacciati dai debiti»

"In questi mesi ho preso progressivamente atto di una situazione dell'azienda assai pesantemente compromessa e minata, in ogni possibilità di rilancio organizzativo e industriale, da un debito enorme accumulato negli anni scorsi". Lo dice...

Città Metropolitana, la scarsa trasparenza sui superstipendi dei dirigenti di un ente che...

La Città metropolitana di Roma è l'ente che ha ereditato le competenze della Provincia con qualche delega in più attribuita dalla Regione Lazio. Ma per dare una parvenza di democrazia, visto che nelle Città metropolitane  non si vota...