\”The Passage\” – MAELSTROM

0
36

Un nome come Maelstrom farebbe pensare a primo impatto ad un gruppo metal, magari di stampo scandinavo, comunque nordico. Il sound della “one-man band” del fiorentino Ferdinando Valsecchi non ha in realtà nulla a che vedere con ritmiche serrate, chitarre spaccatimpani e growl rabbiosi; l'Ep “The Passage” è sperimentazione pura, utilizzo di dissonanze volute (chitarre) adagiate su basi ipnotiche e mai troppo ripetitive, nonostante il post-rock, genere in questione, abbia nel fare affidamento su un paio di riff martellanti la sua caratteristica principale. In tutte e quattro le tracce del mini album, in cui spicca “I Dreamt For A Brighter Sky”, si viene letteralmente trascinati dalla musica verso il mondo del nulla. I testi in italiano, inoltre, danno al progetto un tocco alternativo-poetico che si unisce bene ai vari pezzi.

Unica pecca, oltre alla qualità amatoriale di registrazione (buona nelle voci, non altrettanto nella finta batteria elettronica), è un andamento troppo piatto del lavoro, dovuto però ai canoni stilistici di un tipo di musica assai particolare. Originale poi è l'idea di aprirlo con una traccia unica di tutte e quattro le canzoni (“The Passage”), venti minuti no-stop di sonorità di ogni tipo. Nel complesso non è un ascolto “per tutti” (e si intende i fanatici del mainstream o gli “schizzinosi”), ma chi fa post-rock lo sa bene e se ne assume le responsabilità.

 

TRACKLIST

1 – The Passage

2 – In A Painted Black World

3 – I Dreamt For A Brighter Sky

4 – And I Wanted To Live…

5 – … Until The Rest Of My Life

 

The Passage” è stato registrato, mixato e masterizzato interamente da Ferdinando Valsecchi.

Marco Reda

http://www.reverbnation.com/maelstrompostReverbnation page

https://www.facebook.com/MaelstrompostFacebook page

"…Until The Rest Of My Life"