L\’Everland non è l\’Italia

0
33

Quattro ragazzi con esperienza e progetti musicali già avviati decidono, nel 2011, di fondare una band dall'alto tasso di vendibilità in Canada e Stati Uniti, spinti dagli ideali alternative rock/post-grunge di Foo Fighters, Thrice e Three Days Grace. Daniele Ingrati, Marco Calanca, Roberto Veloccia e Daniele Tofani, da Roma, sono gli Everland: portano il nome dell'“Isola Che Non C'è” di Peter Pan, ma in realtà un'isola dove far sbocciare la propria musica, con la giusta maturazione, esiste e dista migliaia di chilometri dall'Italia. Intanto la This Is Core Music, etichetta indipendente capitolina, ha messo gli occhi su di loro da un anno, accaparrandosi la distribuzione dell'album “Once Upon A Time”, esordio discografico underground della band: “il nostro primo disco – rivelano i quattro – è un concept-album e tratta dell'ipotetico incontro tra due persone dalle origini totalmente differenti, che si incontrano nell'arco della loro vita, vivendo un'esperienza molto forte ed in grado di farli crescere”. Dal rilascio di questo LP è poi scaturito un tour nelle principali città italiane, mentre in programma ora c'è un nuovo lavoro (“speriamo di poterlo registrare questo autunno” è il desiderio degli Everland). Sarà boom o mania oltreoceano?

Marco Reda

http://www.myspace.com/everlandMySpace page

https://www.facebook.com/everlandofficialFacebook page

"Frank The Liar"