Follia Incontrollabile: dal death metal al rockabilly

0
106

 

Unire al meglio black/death metal, rockabilly, grunge, alternative, post-rock, punk e psichedelia. Sembrerebbe un'impresa, la Tredicesima Fatica di Ercole o una nuova Mission Impossible per Tom Cruise. Invece è l'intento di una band dalle ambizioni più grandi dell'età dei suoi componenti, specialmente in un'epoca, quella odierna, in cui più si è “strani” e più si è fuori dal mercato, in musica come in altri campi. Gli Uncontrollable Urge hanno inventato uno stile dal nulla, un (appunto) incontrollabile mix di tutte le sfumature musicali possibili, o quasi. Sono stati definiti sperimentali, aggettivo che non li convince granchè: “bisogna vedere cosa si intende in questo caso – le parole del quintetto di Prato – perchè la sperimentazione generalmente viene vista come un qualcosa che richiede uno studio approfondito nelle sonorità, in cerca di qualcosa di nuovo, e questo è al di fuori del nostro modo di interpretare la musica, o perlomeno è presente in dosi molto minori di come veniamo ritratti. Noi non c'entriamo nulla l'uno con l'altro ma la nostra sperimentazione è più semplice. Il tutto è istintivo e inizialmente fuori controllo”. Certo, chitarre metalliche e distorte, fasi di canzoni ipnotiche, spezzoni ritmici rock'n'roll e voci dall'oltretomba non potrebbero essere definite in altro modo, che con la parola “sperimentazione acuta e fuori controllo”. Ma proprio da questa particolarità è partito il progetto di Mr. Far, Lexo, Jackie, Vrolok e Tomas, che dal 2008 a questa parte ha accumulato diversa esperienza: una demo nel 2009, l'album “Dirge” del 2010, in attesa di pubblicazione per l'etichetta inglese Copro Records, inserimento di loro canzoni in varie compilations e interviste radio in Italia e all'estero. Inoltre, pochissimi mesi fa la band toscana ha esportato il proprio “pazzo” sound in Austria e Slovenia per un tour che prossimamente toccherà anche Francia, Belgio e Germania. “Artisticamente stiamo cercando il giusto equilibrio tra follia, impatto, ironia e cambio di direzione nelle canzoni – continua la band – oltre che portare la nostra musica un po' ovunque. Il nuovo materiale sta nascendo più aggressivo e sintetico che in precedenza, pur continuando a percorrere la nostra strada. Non ci sono mete da raggiungere, né qualcosa di prefissato da ottenere. Cerchiamo solo di fare ciò che ci piace mettendoci anima e corpo”. Ambizione notevole, passione sconfinata, immenso augurio di buona fortuna altrettanto.

Marco Reda

http://www.uncontrollableurge.it/Uncontrollable Urge official site

http://www.reverbnation.com/uncontrollableurgeReverbnation page

https://www.facebook.com/uncontrollablepurgeFacebook page

È SUCCESSO OGGI...

tuscolano civitavecchia

Civitavecchia, provoca incendio e scappa: preso piromane

Si è protratto per circa 4 ore un incendio che ha interessato alcuni terreni agricoli in via B. Claudia. Sul posto gli investigatori della Polizia di Stato di Civitavecchia, dopo una breve indagine hanno...

Forte scossa di terremoto, giocatori del Frosinone fuori dall’hotel

La scossa di magnitudo 4.2 registrata tra Lazio e Abruzzo alle 4:13 della notte e' stata chiaramente avvertita dai giocatori e dallo staff tecnico del Frosinone Calcio. La squadra laziale e' infatti da giorni...
Terremoto, nuove scosse nel centro Italia

Forte scossa di terremoto tra Lazio e Abruzzo: torna la paura

Una forte scossa di terremoto ha fatto tornare la paura tra Abruzzo e Lazio. Il sisma e' stato rilevato tredici minuti dopo le 4 del mattino. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e...

Anguillara, esplosione in una villa: feriti e paura

Intorno alle 8.30, probabilmente per una fuga di gas, si e' verificata un'esplosione all'interno di una villetta ad Anguillara Sabazia, in via grotte di Castellana.   La deflagrazione e' avvenuta all'interno dell'appartamento al piano terra, dove...

Lazio Ambiente, mancano dalle casse 12,5 milioni dei Comuni

Lazio Ambiente deve rimanere pubblica, si sono sgolati a dire sindacati e Comuni anche dopo il semi accordo con la Regione che di fatto ne rallenta la valorizzazione come aveva invece deciso  inizialmente il governatore...