“Puglia suona bene”, da stasera all\’Auditorium

0
40

“Vieni a ballare in Puglia” cantava Caparezza. Ma loro, gli artisti pugliesi, hanno deciso di far ballare – e cantare – il pubblico in trasferta, a Roma, almeno per quattro giorni. Da oggi al 9 settembre l’Auditorium celebra i suoni provenienti dal “tacco d’Italia” con la rassegna “Puglia suona bene”, giunta quest’anno alla sua seconda edizione.

Terra di contaminazioni e punto d’incontro fra le più diverse influenze culturali, la regione più meridionale dello Stivale ospita e promuove da sempre molte delle più ricche e innovative realtà musicali, da quelle ispirate al tradizionale repertorio della pizzica a quelle legate alle tendenze contemporanee. E saranno proprio quest’ultime a dare il via, stasera, all’intera rassegna: sul palco ci saranno le sonorità indie dei Fabryka, l’electropop dei Serpenti e il rock de La fame di Camilla. La band di Bari è la punta di diamante della scena underground pugliese, in grado di conquistare in soli tre anni fan ovunque nella penisola grazie a testi d’autore e a un sound riconoscibile.

Protagonista assoluta nella serata di domani sarà invece la tradizione popolare, con la storica voce degli Almamegretta Raìz ad affiancare i Radicanto e con le tarante interpretate dal Canzoniere Grecanico Salentino. Venerdì spazio al raggae tutto “terra, sole e mare” dei Sud Sound System, che quest’anno festeggiano i venti anni di carriera e che da poco hanno pubblicato il loro primo “Best of”. Gran finale domenica, dopo la pausa dell’8 settembre, con Mama Marjas e Boom da Bash.