Un festival da paura

0
25

Da stasera al 9 settembre Roma sarà avvolta dalle tenebre nell’Horror Project Festival, una kermesse all’insegna del brivido tra cinema, musica ed editoria negli spazi del Circolo degli Artisti.

Il Festival nasce quest’anno su iniziativa della collana editoriale Horror Project e della casa editrice Universitalia, in collaborazione con il sito HorrorMovie, con l’Accademia di Cinema Griffith e l’associazione culturale Nero Café: quattro giorni dedicati al terrore che sarà sviscerato, analizzato, musicato, visualizzato e dibattuto in tutte le salse.

Il Festival è anche l’occasione per promuovere, valorizzare e diffondere sul territorio la cultura cinematografica ed editoriale di genere, cercando di coinvolgere un pubblico sempre più vasto. Ad aprire le danze sarà la presentazione del libro “L’Essere per la morte in Buffy the Vampire Slayer”, con l’autrice Valentina Signorelli, seguito da un incontro con il regista Federico Zampaglione. Il frontman dei Tiromancino è stato un pioniere della rinascita dell’horror made in Italy, portando in sala nel 2010 “Shadow”, film che sembra uscito direttamente dalla miglior tradizione di genere anni Settanta. A fine agosto Zampaglione ha presentato al FrightFest  di Londra la sua ultima fatica cinematografica, “Tulpa”, un thriller ambientato in un locale notturno (da cui il titolo) nel quale i soci danno sfogo alle proprie fantasie erotiche per poi essere uccisi misteriosamente.

Alle 21 David Petrucci proietterà e presenterà il suo “Canepazzo” (con Tinto Brass, Franco Nero e Myriam Catania) mentre alle 22.45 ci sarà “The Hill” di Omar Protani e Marco Farina. Alle 23.45 spazio alla proiezione dei primi cinque corti del concorso “Cortometraggi Horror Project”, promosso dall’Accademia Griffith, che mette in palio dei bonus per l'iscrizione al corso semestrale di Regia Horror e Fantasy. Venerdì 7 si inizia con la presentazione del libro “Exilium – L’Inferno di Dante” di Kim Pafferoth, un romanzo sulle avventure immaginarie dell’Alighieri alle prese con una pestilenza che rende cannibali. La serata prosegue con la proiezione e relativo incontro con gli autori per “Gordon Pym” di Bruno Di Marcello e Giovanni Pianigiani (episodio tratto dal film “P.O.E. Poetry of Erie”), “La Casa del vento dei morti” di Francesco Campanini e “Versipellis” di Donatello Della Paga, che parteciperà all'incontro con lo sceneggiatore Luca Ruocco.

Alle 23.15 ci saranno altri cinque cortometraggi partecipanti al concorso. Sabato ancora presentazioni (incontro con la redazione della rivista “Tenebre” e con Stefano Bessoni della Griffith) e poi arrivano i Manetti Bros con la proiezione del loro “Paura” (versione 2D). A seguire proiezione e incontro con lo sceneggiatore Andrea Cavaletto del film “Hidden in the Woods” di Patricio Valladares. Domenica la serata inizia a partire dalle 18 con la presentazione dei libri “Rima insanguinata”, “Belve” di Alda Teodorani, “Primi delitti” di Paolo Di Orazio, “Lincantropi – Figli della Luna” di Luigi Boccia e Simonetta Santamaria e del “Dizionario del cinema horror americano 1980-2000” a cura di Francesco Massaccesi.

A seguire il laboratorio di effetti speciali con David Bracci e la premiazione del concorso. Il Festival si chiude con lo speciale “Dracula 3D”: un incontro con il compositore Claudio Simonetti, lo sceneggiatore Antonio Tentori e l'effettista speciale Sergio Stivaletti dell’ultimo film di Dario Argento, presentato a Cannes, seguito poi dalla proiezione di “Kiss me Dracula”, videoclip musicale del nuovo film di Argento, alla presenza del regista Gabriele Albanesi. Per finire, alle 22, ci sarà l’incontro con Edoardo Margheriti, regista di “Souvenir” (episodio della fiction “Sei passi nel giallo”) e a mezzanotte precisa la chiusura del Festival.

Chiara Cecchini