Il redivivo

0
27

Quando tutto e quando niente. Dopo anni di sovraesposizione mediatica dovuta soprattutto ad alcol, droga, psicofarmaci e scappatelle varie, Peter Doherty – in concerto stasera e domani all’Xs Live – torna agli onori della cronaca (quasi) esclusivamente per le sue fatiche professionali.

Bisogna ammettere che questo 2012 per il talento britannico dell’Hexham è stato assai ricco di soddisfazioni e fittissimo di appuntamenti in agenda (tutti, peraltro, perfettamente rispettati). Il suo tour, partito lo scorso inverno, ha registrato sold out ovunque, in patria e fuori. Anche in Italia è stato a dir poco affollato: le quattro date acustiche di febbraio (a Roma era di scena all’Atlantico) hanno sorpreso anche i fan più dubbiosi, aumentando le attese per il nuovo album solista – il secondo in carriera dopo le parentesi coi Libertines e i Babyshambles – in uscita entro la fine dell’anno.

E per non farsi mancare nulla, Pete ha addirittura esordito al cinema, al fianco di Charlotte Gainsbourg, nel film “Confession d’un enfant du siècle”, presentato a Cannes a maggio. Insomma, ha scelto di tornare a essere una rockstar. Più star e meno rock.

Francesco Gabriele