Due lunghi giorni di CORTI

0
21

Prende ispirazione, nel nome, dal celebre film a episodi di Jim Jarmusch “Coffee and cigarettes”. E’ “Corti and cigarettes”, il Festival internazionale del cortometraggio in scena domani e domenica all’Auditorium Conciliazione (entrata gratuita fino a esaurimento posti). Il programma della rassegna, giunta quest’anno alla sua quinta edizione, è intensissimo e prevede proiezioni, incontri con gli autori e due sezioni in concorso – “Corti internazionali” e “Corti sperimentali” – affiancate da “MedShort”, ciclo di corti che sabato, dalle 17.30, aprirà una finestra sulle cinematografie di alcuni paesi dell’area mediterranea come Croazia, Spagna, Algeria, Francia, Turchia ed Egitto, protagonisti contemporanei di una tensione e un mutamento costanti che invadono pubblico e privato, sfera poetica e dimensione politica.

Due gli incontri d’autore previsti per domani. Alle 19 l’attrice, musicista e musicologa Cristina Chinaglia introdurrà il regista e sceneggiatore Giancarlo Scarchilli, autore tra gli altri de “I fobici”, “Scrivilo sui muri” e del documentario “Vittorio racconta Gassman, una vita da mattatore”. Alle 20, invece, il conduttore radiotelevisivo Christian Floris incontrerà il regista e sceneggiatore Giorgio Treves, di cui sarà proiettato il corto “K-Z”, nominato ai Premi Oscar nel 1973. Sempre sabato, nel foyer alle 21, verranno proiettate le opere partecipanti alla seconda edizione della sezione “Corti sperimentali”, curata da Valentino Catricalà. I “Corti internazionali” saranno proposti domenica alle 17, presentati dall’attore Marco Iannone. Fuori concorso saranno proiettati anche il cortometraggio “Senza parole” (di Antonello De Leo e con Rocco Papaleo), già nominato ai Premi Oscar nel 1997 e il corto-documentario “Una vita per il cinema” (di Rodolfo Martinelli): un’intervista alla compianta casting-director Shaila Rubin. In chiusura di festival, domenica alle 21, si terrà il gran galà con, ospite di prestigio, la regista Liliana Cavani.

Durante la serata verrà ricordato – a vent’anni dalla scomparsa – il maestro Federico Fellini, grazie all’intervista-documentario inedita presentata dalla nipote Francesca Fellini e da lei stessa realizzata nel 1995 allo sceneggiatore morto a marzo Tonino Guerra. A seguire, infine, la proiezione in esclusiva – alla presenza del cast e del regista – del corto “E la vita continua” di Pino Quartullo, presentato all’ultima Mostra del Cinema di Venezia. Fra gli interpreti, nel cast, spiccano i nomi di Ricky Tognazzi, Francesco Pannofino. Le musiche, invece, sono state firmate da Vasco Rossi.

cinque