“Ignorantia Legit” – IGNORANTIA LEGIT

0
55

Non sarà uno di quei dischi in grado di conquistare le ultime generazioni, “contaminate” da metal, punk moderno e iper pop all'ennesima potenza. Tuttavia, l'album di dieci tracce dei romani Ignorantia Legit, presentato questa sera al locale Felt della Capitale, porta una ventata di attualità nel suo immortale cantautorato tradizionale, reso al meglio da testi ben scritti e molto ricercati che fungono da base per l'intero progetto. In più, a dare un tocco di energia e originalità, c'è un basso spesso fuori dalle righe, con buone divagazioni melodiche, integrato da un batterista che compie il proprio dovere dietro le pelli, con precisione e senza strafare. A spiccare particolarmente nel disco che prende il titolo dal nome del gruppo sono i brani “Ti Perderai” (miglior ritornello del lavoro), “Temporale” (in cui il moderno alternative rock italiano si intreccia alla perfezione con i più classici viole e violini) e “I Padroni Dell'Impero” (testo più bello e significativo). C'è spazio anche per un omaggio a Vasco Rossi nel finale di “Gianni”, in cui viene rievocata parola per parola la prima strofa del suo successo storico “Fegato Spappolato” e per uno sconfinamento nel rock inglese anni '70 in stile Led Zeppelin, in “Il Senso”. Nel complesso l'album è gradevole, ben registrato e molto scorrevole all'ascolto, particolarmente indicato per fanatici del cantato in italiano e seguaci di vecchie glorie come Rino Gaetano e Fabrizio De Andrè. Da viaggio in macchina sull'autostrada.

 

TRACKLIST

1 – Ignorantia Legit

2 – Giudizio Universale

3 – I Padroni Dell'Impero

4 – Temporale

5 – Ti Perderai

6 – Niente Di Me

7 – Povero Me

8 – Gianni

9 – Il Senso

10 – Inferno Personale

Marco Reda

http://www.myspace.com/ignorantialegitMySpace page

https://www.facebook.com/pages/IGNORANTIA-LEGIT/103333904685Facebook page

Ti Perderai