Emufest 2012, quando l’elettronica incontra l’acustica

0
21

L’omaggio a John Cage, la musica elettroacustica nel continente americano, quella “visuale” in Germania. E poi i convegni sul rapporto delle melodie sonore con l’architettura e la fisica. Sono soltanto alcuni dei temi che affronta la quinta edizione di “Emufest”, il festival internazionale di musica elettronica e acustica, in scena dal 7 al 17 ottobre.

Le undici giornate della rassegna saranno ospitate in due diverse location: le prime otto – incentrate sugli aspetti compositivi ed esecutivi della musica elettroacustica – presso il Conservatorio di Santa Cecilia e all’interno di vari istituti collaterali situati nel centro di Roma; le ultime tre – che approfondiranno gli aspetti tecnico-scientifici derivanti da qquesto particolare linguaggio – presso l’università di Tor Vergata.

Il programma è fittissimo e impossibile da elencare nel dettaglio fra concerti, conferenze, eventi speciali, performance e installazioni audio visive. Sono ottanta gli ospiti che interverranno provenienti da venti nazioni diverse. La maggior parte delle esibizioni musicali, alle quali parteciperanno anche i dipartimenti del conservatorio, metteranno in dialogo strumenti classici come la viola, il flauto, la chitarra e il pianoforte (oltre, naturalmente, alla voce) con synth, mixer e diffusori vari, in un’espressione live multiforme che risponde solo e soltanto a un’esigenza: quella della contemporaneità.
Info e programma completo al sito: www.emufest.org.

cinque