Suoni Ultra al festival del Pigneto

0
27

Venerdì e sabato il Pigneto sarà animato da "Ultrasuoni", il primo festival multi-venue in Italia, che porterà nel cuore della vita notturna della Capitale un evento che farà dell'interno quartiere una unica grande location, con più live ed esposizioni nella stessa sera fruibili dal pubblico con un unico biglietto, così come accade già da anni al South By Southwest di Austin, all’Eurosonic in Olanda, o al GreatEscape a Brighton.

Protagonisti di questa prima edizione di "Ultrasuoni" saranno due nomi di spicco che arrivano direttamente dalla Gran Bretagna: The Orb, storico duo della scene elettronica anglosassone, e Echo and the Bunnymen, carimastica band di punta del movimento wave e post punk inglese.

The Orb fanno ritorno per la prima volta dopo molti anni sulle scene italiane e presentano il nuovo disco "The Orbserver in the Star House" al Circolo degli Artisti – XL Stage nella serata di venerdì. Sul palco ci saranno lo storico membro fondatore Alex Paterson e Thomas Fehlmann, nel duo dal 1995.

Sabato invece tocca agli Echo and the Bunnymen di Ian McCulloch e Will Sergeant, direttamente dalle strade di Liverpool. Ma venerdì è anche il turno di Fujiva & Miyagi, quartetto originario di Brighton che si esibirà sul palco dell'Init – ZERO stage, seguiti dal groove degli Steroelab. Sempre all'Init, la serata proseguirà con il duo party rock australiano DZ Deathrays, il cui recente esordio "Bloodstreams" è stato molto acclamato da NME, storico settimanale di musica britannico.

Hanne Hukkelberg, artista norvegese tra avanguardia e rock eccentrico, salirà sul palco dell'Alvarado Street e presenterà al festival il suo quarto e ultimo lavoro in studio "Featherbreain". Ma c'è spazio anche per le band italiane: gli At the Weekends e i Mushy, solo female-project tra synth wave e blues di Valentina Fanigiulo. Il dream pop con venature folk di Nick Talbot e dei suoi Gravenhurst sarà il protagonista della serata di sabato all'Init. Lo stesso palco ospiterà poi gli svedesi The Amplifetes, quartetto di producer e songwrite già al lavoro con artisti come Madonna e Grandmaster flash. Il gruppo svedese ha in uscita a inizio 2013 un nuovo album, già anticipato dal music video game "Where Is The Light".

La Svezia è ancora protagonista all'Init con gli Holograms, giovane band che ha catturato l'attenzione internazionale con l'omonimo album d'esordio uscito ad agosto. Gli anglo-carioca Madrid, progetto messo su da due ex membri dei brasiliani CSS e Bonde De Role, apriranno il concerto degli Echo and the Bunnymen di sabato mentre all'Alvarado Street si esibirà Carina Round, che annovera fra le sue collaborazioni quelle con Brian Eno e Billy Corgan. Tra le band italiane della serata ci saranno i Soviet Soviet, che si esibiranno dal vivo all'Alvarado Street mentre è stata confermata la presenza della nuovissima band inglese These Reigning Days, in anteprima assoluta per l'Italia. "Ultrasuoni" ospiterà anche "Poster Rock!", mostra di poster act internazionale con serigrafie e poster di concerti.

Chiara Cecchini