“Antonio e Cleopatra e io: amore nel presente, parole del passato”

0
149

Dal 17 ottobre fino al 4 novembre, presso il teatro Nuovo Colosseo di Roma alle 21, andrà in scena “Antonio e Cleopatra e io”, il nuovo spettacolo della compagnia Casa dei Racconti diretto e interpretato da Duccio Camerini con Salvo Lombardo, Tullia Daniele e Barnaba Bonafaccia.

In “Antonio e Cleopatra e io”, Camerini si avvale di una riscrittura scenica contemporanea dell’immortale classico: un “classico contemporaneo” che pur rimanendo fedele all’opera shakespeariana, grazie alla traduzione di Giovanni Lombardo Radice, trasloca nel presente dando vita ad un’originale riflessione sull’amore e il tradimento ai giorni nostri… con le parole di Shakespeare.

Si tratta di una commedia/tragedia sull’impossibilità di stare insieme fino in fondo, dove si esamina la condizione maschile e femminile, lo scambio dei ruoli, le assurdità, le insidie, le emancipazioni, i fallimenti: contrasti ideali (come spesso in Shakespeare) per esaminare gli equilibrismi esistenziali dell’uomo e della donna di oggi. Si è detto a volte che “Antonio e Cleopatra” sono “Romeo e Giulietta” da grandi.

È l’amore adulto, l’amore che non fa più i conti solo con la passione, ma che deve confrontarsi con la durezza della vita, la vita che slitta. Ma c’è qualcos’altro nel rapporto tra Antonio e la sua Regina, a renderlo struggente di una qualità tutta sua: le guerre che hanno dichiarato contro il resto del mondo e contro sé stessi dichiarandosi amore.

Niente affatto una storia eroica e divina, ma una contesa privata, da camera da letto, per fare il punto sull’amore (parola che sempre più ama nascondersi) e lo scontro dei sessi.

Lo spettacolo è ambientato in un teatro, dove una compagnia si è riunita per provare “Antonio e Cleopatra”: una delle più grandi storie d’amore mai raccontate deve così fare i conti con i dubbi, le incertezze, i ripensamenti, le meschinerie degli attori, mentre allarmanti coincidenze emergono tra i personaggi in carne ed ossa e quelli di carta… dove finisce il teatro, dove comincia la vita?

Il teatro è vita già vissuta? La vita è teatro già scritto? Il teatro è finzione proprio in quanto gli attori vogliono illudersi di “non” essere i personaggi? Davvero l’amore raccontato da Shakespeare può riguardare anche noi?

È SUCCESSO OGGI...

Comune di Roma, l’arresto del dirigente Tancredi punta di un iceberg di corruzione

Che Virginia Raggi sottoscrivesse un protocollo con il presidente dell'Autorità anticorruzione Raffaele Cantone, per la vigilanza e la legalità, era abbastanza scontato, in fondo analogo protocollo lo aveva già sottoscritto tempo fa il governatore...

Mafia capitale, condanne pesanti ma non viene riconosciuto il reato di mafia

Sentenza a sorpresa nell’aula bunker di Rebibbia, cade infatti per tutti i 19  imputati il 416 bis, ovvero l'accusa di associazione mafiosa del processo Mafia Capitale. Nonostante il teorema della Procura sia stato respinto...
mafia capitale

Mafia Capitale, confiscati katana e machete a Carminati

Uno jammer (il disturbatore di frequenze) con la batteria ausiliaria, la katana (spada giapponese), due machete e un'accetta. Sono questi alcuni dei reperti, riconducibili a Massimo Carminati, di cui il tribunale ha disposto la...

Eco X di Pomezia, il Sindaco Fucci risponde a Gasparri e Palozzi: “Hanno una...

Il Sindaco Fabio Fucci risponde al Senatore Gasparri e al Consigliere regionale Palozzi, esponenti di Forza Italia, sul dissequestro del sito Eco X a Pomezia: “Il Comune di Pomezia attinge alle fonti ufficiali per le...

Rapina supermercato con un coltello, ma la felpa di Superman lo tradisce

E’ successo a Tor de Cenci. Un uomo è entrato in un supermercato e, dopo aver  minacciato la cassiera con un coltello da cucina, s’è fatto consegnare l’incasso. Poi si è allontanato a bordo di un’...