Cesare Cremonini in concerto al Palalottomatica

0
22

Il 13 novembre Cesare Cremonini sarà in concerto al Palalottomatica di Roma, nell’ambito del “Cesare Cremonini Live 2012” partito il 26 ottobre dal Palaolimpico di Torino e che porterà l'artista a esibirsi in 12 concerti nei più importanti palasport d’Italia. Il cantautore presenterà dal vivo anche i brani dell’ultimo disco di inediti “La Teoria dei colori”, uscito lo scorso maggio.

Con questo album Cesare Cremonini è riuscito a fissare la sua nuova “versione di Cesare”, quella mescolanza musicale unica e personalissima di rock inglese e di grande tradizione cantautorale italiana. “La Teoria dei colori” è un album di concetto, una sorta di manuale di emozioni senza i filtri del buonismo o del politically correct. Continua parallelamente l’attività cinematografica di Cesare che quest’estate è stato ospite del Festival del Cinema di Locarno in veste di autore delle canzoni originali del film  in concorso “I Padroni di casa” di Edoardo Gabbriellini, con Elio Germano, Valerio Mastandrea, e Gianni Morandi.

Nel film, nelle sale dal  4 ottobre, compaiono due brani inediti di Cesare “Amor Mio” (interpretata nel film da Morandi e contenuto nell’ultimo disco di inediti “La Teoria dei Colori”) e “Lascia il sole” scritto insieme ad Alessandro Magnagnini. La grandiosa carriera di Cremonini inizia nel 1999 quando fonda i Lùnapop e inizia a lavorare insieme al produttore Walter Mameli. Partecipano e vincono alla decima edizione del Festival di San Marino con il brano Qualcosa di grande, scritto da Cremonini ai tempi della scuola.

E’ in quella occasione che vengono notati da una piccola casa discografica indipendente di Roma. Ma è quando esce l’album “… Squérez?” (30 novembre 1999) che i Lùnapop diventano un fenomeno. L’album è una raccolta delle canzoni scritte da Cesare tra i suoi 15 e 18 anni. Nell’aprile del 2000 viene pubblicato il terzo singolo Qualcosa di grande, canzone con cui il gruppo vince il Festivalbar 2000.

Dal 1999 al 2001 la band pubblica quattro singoli di grandissimo successo: oltre a “50 Special”, “Un giorno migliore”, “Qualcosa di grande” e “Resta con me“, diventando il più grosso fenomeno generazionale della musica italiana di fine/inizio secolo. Il definitivo successo viene celebrato con una diretta televisiva della Rai di un concerto tenutosi a Roma.

Ma presto il progetto si arena davanti pressioni e interessi esterni, di fronte ai quali non tutti reggono. Il 15 novembre 2002 Cesare pubblica il suo primo album da solista, Bagùs, che significa “tutto ciò che è positivo, gradevole, piacevole e bello” in indonesiano. Da quel momento in poi il suo percorso musicale è costellato da numerosi successi che riproporrà nel suo nuovo tour.