Amleto è punk con Filippo Timi

0
73

L’Amleto come non lo avete mai visto. E’ questa l’ambizione di Filippo Timi, regista e interprete di “Amleto 2”, dove “2” sta per “al quadrato”, in scena da stasera al 25 novembre all’Ambra Jovinelli.

L’attore – prodotto dallo stabile Milanese Franco Parenti da ormai tre stagioni – reinterpreta il capolavoro di Shakespeare in chiave tragicomica, giocando sull’ironia sin dal sottotitolo (“Il popolo non ha il pane? Diamogli le brioches”) e trasformando il nero pessimismo del triste principe di Danimarca in una coloratissima pazzia che si sfoga col potere tanto quanto con le frivolezze.

Quello del 38enne perugino è un Amleto spiazzante, eclatante, furibondo; in una parola, punk. Addirittura chiama la madre “una puttana” e lo zio “un maiale”. «Di fronte alla tragedia – dice Timi – hai due possibilità: soccombere o esplodere nel massimo della vitalità». Filippo ha scelto drasticamente la seconda via di salvezza (l’unica?) per il suo protagonista, che racconta la follia (anche quella altrui) sprigionandosi dal proprio io e ridendo del Palazzo, degli intrighi, della morte e pure di un’Ofelia rimasta incastrata, rispetto a lui, in un ruolo e in una parte che non riesce smettere di recitare. La tragedia del Bardo si trasforma così in una commedia noir, le lacrime lasciano il posto a sguaiatezze ed esasperazioni d’ogni genere. Perchè, e questa è una convinzione, è impossibile «scappare da se stessi o dal proprio destino», e allora tanto vale scherzarci su, nervosamente, nevroticamente, incautamente. “Qualunquemente”.

«Di fronte alla realtà – spiega ancora l’artista umbro – di fronte a certi irrimediabili eventi (la morte, la perdita di un amore…), il cuore e il cervello impazziscono, hanno bisogno di trovare fughe e nuove logiche per non soffrire così tanto». E il ridere sembra la risposta migliore della coscienza alla tragedia. “Guardati”, disse un giorno Amleto ad Ofelia, “guardati in me… come fai a non ridere di te?”. Timi prende l’Amleto di Shakespeare come scusa per raccontare l’inquietudine e il vivere dell’uomo, di quello ricco e di quello povero, del vincente e del perdente. Di chiunque, insomma, sia incapace di ribellarsi al volere della storia, condannato inconsciamente a descrivere ogni attimo della sua agonia anzichè pensare a reagire.

Fra. Ga.

È SUCCESSO OGGI...

casilina Arrestato dai carabinieri un 38enne romano

Casilina, scoperto il rapinatore solitario di farmacie e supermercati

I Carabinieri della Stazione Roma Alessandrina, hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Roma, su richiesta della locale Procura della...

Investe una signora anziana con la macchina e scappa

Ieri alle 18:30 circa una signora anziana di ottant’anni è stata investita da una Renault Clio il cui conducente si è dato alla fuga senza fermarsi e prestare soccorso. Il fatto si è verificato a Roma...

Sospetti fermati in macchina: a casa avevano cocaina, marijuana e hashish

19mila euro in contanti, 680 grammi di mannite, diverse dosi di hashish e di cocaina, 2 piante di marijuana alte circa 30 cm e diverso materiale per il confezionamento. Responsabili, due giovani incappati in...

Terribile incidente: due automobilisti travolti da un furgone

Grave incidente questa mattina sulla via del Mare, all'altezza del km 14,200 km a Roma. Due automobilisti, un uomo e una donna, si erano accostati dopo aver fatto un incidente ed erano usciti dai...

Colleferro, da aprile di nuovo in funzione il termovalorizzatore

L’Ama ha dato l’ok alla rigenerazione (“revamping”) della seconda linea di termovalorizzazione  di Colleferro che sarà attiva almeno  fino al 2022. L’operazione era stata bloccata alla fine dello scorso anno dall’ex presidente di Ama, recentemente dimissionata, Antonella...