“Black Flowers Cafè” – BLACK FLOWERS CAFE\’

0
128

La prima cosa che incuriosisce nel leggere la tracklist di “Black Flowers Cafè” è che i nomi delle tracce sembrerebbero più adatti a leggendari guerrieri vichinghi che a canzoni. Molto astuta l'idea dell'omonima band emergente di Cosenza, che se non altro un modo per incuriosire il più classico dei profani l'ha trovato, in un periodo in cui se esteticamente non sei affascinante e non hai qualche dettaglio caratteristico (ancor prima che musicalmente) vieni scartato senza difficoltà. Con le sue nove tracce dai titoli particolarissimi “Black Flowers Cafè” induce l'ascoltatore a premere il pulsante “Play” dopo averlo messo in uno stereo (album rilasciato il 23 Settembre 2012 e scaricabile dal profilo Bandcamp del gruppo).

La curiosità ripaga poi gli amanti delle sonorità sperimentali, psichedeliche, alternative e diverse dalle canzoni passate dalle grandi radio italiane. L'intro strumental/post rock “Baikonur” ne è un esempio, che ha poi poco a che vedere con la prima parte della successiva “Ophir Chasma”, un brit-pop più moderno, fresco e movimentato (cantato in inglese); nel minuto e mezzo finale di questo brano tornano però ipnosi (giro di basso) e sperimentazione (chitarra), elementi cardine del finale strumentale e del brano precedente. I Black Flowers Cafè hanno tante idee e non hanno paura di mescolarle l'un l'altra, anche sconsideratamente o semplicemente per pura voglia di suonare ciò che viene dal cuore. C'è poca continuità tra un brano e l'altro, inizialmente è tutto sempre vivo e inaspettato e ciò sembrerebbe rendere quest'album poco prevedibile. In realtà, a parte qualche rapido excursus nel pop inglese in stile Arctic Monkeys (“Alnitak” e la conclusiva “Vega”, in cui viene citato anche il famosissimo “To Be Or Not To Be” di Shakespeare) si evince chiaramente che Pink Floyd, Radiohead e Don Caballero sono il pane quotidiano del quartetto calabrese: “Thuban”, terza traccia della tracklist, è un toccasana per il relax (percussioni, voce e dolci tastiere) ed ha un suo simile nella numero otto “Altair/Deneb”, un delicato viaggio nella fantasia, “Mintaka” è la miglior traccia del lavoro e in “Dhube/Merak” si scomoda addirittura il tempo 5/4, in un mix tra Tool e ancora Radiohead. Nel complesso “Black Flowers Cafè” è un buon album dall'altrettanto apprezzabile qualità di registrazione. Non si aspetti però purtroppo, la band, di spaccare il mondo con un genere così di nicchia e colpevolmente non valorizzato.

 

TRACKLIST

1 – Baikonur

2 – Ophir Chasma

3 – Thuban

4 – Dhube/Merak

5 – Alnitak

6 – Alnilam

7 – Mintaka

8 – Altair/Deneb

9 – Vega

Marco Reda

http://blackflowerscafe.wordpress.com/Black Flowers Cafè sito ufficiale

http://blackflowerscafe.bandcamp.com/album/black-flowers-caf – “Black Flowers CafèBandcamp LISTEN & DOWNLOAD

https://www.facebook.com/blackflowerscafeFacebook

Alnitak

È SUCCESSO OGGI...

Movida e sicurezza, sanzionati 42 buttafuori a Roma

I carabinieri del Comando Provinciale di Roma hanno avviato un monitoraggio delle persone addette ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi,...

Il vento sta cambiando e spinge alla deriva i 5stelle

Parafrasando il video ormai virale dove si vede la Raggi che in campagna elettorale dichiarava giuliva “il vento sta cambiando” mentre Roma affoga sotto un recente normalissimo acquazzone,il vento sta cambiando questa volta per...

Le promesse (mancate) dei Grillini paralizzano la Salaria

Roma, 22 settembre, la mobilità è insolitamente paralizzata nl quadrante nord della città e non se capisce il motivo. La Via Salaria, solitamente congestionata, ha raggiunto livelli di paralisi totale. Ma stavolta non è semplice...

Roma, truffava clienti con false polizze assicurative

Ex consulente finanziario truffava i clienti stipulando false polizze assicurative e intascando i soldi. I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma hanno eseguito il sequestro di beni immobili, per un...
Sergio Pirozzi

Sergio Pirozzi ringrazia la Meloni ma critica le divisioni nel centro destra

Eccolo il Pirozzi Sergio sindaco di Amatrice e del ‘fare’ che si presenta ad Atreju, la festa dei giovani della Meloni. E qui, dice «vi mando un messaggio: io sto qui da sindaco di...