Dosto & Yevski, le musicomiche

0
19

Nel nostro Bel Paese, da sempre protagonista della storia culturale e artistica europea, si parla una lingua per la quale i termini ‘suonare’ e ‘giocare’ esprimono concetti diversi (cosa che non accade ad esempio in Francia, Inghilterra, Germania).

C’è  però  un duo di musicisti-attori che da sempre cerca di superare questa gravosa distinzione semantica: Dosto & Yevski (pianoforte e contrabbasso) da anni girano il mondo con la loro idea di teatro musicale (o di musica teatrale), fondata sull’interpretazione in chiave ironica di diversi mondi sonori, ottenendo sempre grandi successi e riconoscimenti di pubblico. “Sinfollia”, la loro ultima funambolica creazione, appare come la sommatoria di tutte le esperienze e le idee avute in piu  di un ventennio di carriera: contaminazioni musicali estreme, virtuosismo, sberleffo dei vizi e delle manie del musicista odierno.

Un’intera formazione sinfonica, la Musicomix Orchestra, costituisce il nucleo dello spettacolo: musicisti di provenienza ‘accademica’ che nelle piu  disparate maniere si affaccendano ad accompagnare (e nel contempo sabotare) lo show dei due solisti, incappando goffamente in esilaranti errori e incidenti. Tra orchestrali ubriachi, incantatori di serpenti, pirati e tamarri da spiaggia, c’e  spazio anche per il canto: “Con oltre 100 brani musicali, di genere diverso, dalla classica fino al jazz, passando per il pop e il folklore, miscelati durante tutta la performance, vengono raggiunte commistioni molto ardite. E la vocalita  viene esplorata in tutte le sue sfaccettature.” Parola di Donna Olimpia, il mezzosoprano (perché uno intero non potevano permetterselo…) che fa del duo un trio e il cui contributo sul palco si rivelera  fondamentale nonché spassoso.

Come i precedenti lavori della ditta Dosto & Yevski, lo spettacolo va a collocarsi di diritto nel filone della commedia musicale e della parodia, tra il leggendario Danny Kaye (principale fonte di ispirazione) e i piu  recenti Igudesman & Joo; al duo italiano e al determinante apporto iniziale del compianto regista Pino Ferrara va dato atto di aver contribuito a portare questa raffinata comicita musicale in Italia. Da stasera fino all’8 Dicembre, al Teatro Italia, divertimento e musica si riuniscono in una parola sola: Sinfollia.

Lorenzo Gabriele