Musei da ascoltare

0
93

I Tiromancino alla Pelanda, Luca Barbarossa (e la chitarra acustica di Mario Amici) al Palazzo delle Esposizioni. E poi l’omaggio a Fabrizio De Andrè all’Ara Pacis e quello ai Pink Floyd alla Casa dell’architettura. Domani notte torna nella capitale “Musei in Musica”, l’iniziativa promossa dal Comune che dalle 20 alle 2 animerà le sale di oltre trentacinque siti espositivi, aperti straordinariamente di sera e visitabili gratuitamente per l’occasione.

Sono circa ottanta i concerti previsti per la quarta edizione dell’evento. Su tutti, come detto, il live di Federico Zampaglione, che si presenta con una formazione speciale, ideata ad hoc per la manifestazione, con cui rivisiterà in chiave acustica tutto il suo repertorio, proponendo a sorpresa anche alcune cover di successo. Cover che saranno invece al centro del “Testamento di Faber” – impegnati nell’esibizione dieci fra i migliori musicisti romani: appuntamento alle 21 – e del tributo al “Fluido Rosa”, che prevede un assaggio in anteprima dello spettacolo “Atom in Rome”, in scena nella versione integrale di quasi tre ore il prossimo 19 gennaio all’Auditorium Conciliazione.

A eseguire dal vivo la celebre suite “Atom heart mother” e gli altri successi dei Pink Floyd saranno un imponente coro di ottanta persone (diretto dal Maestro Piero Gallo), la sezione orchestrale Ottonidautore, la band Pink Floyd Legend e il violoncellista Dante Cianferra. L’Esedra del Marco Aurelio, nei Musei Capitolini, ospita poi il recital pianoforte e voce di Pino Marino, uno dei più interessanti cantautori italiani; al Macro di via Nizza invece prende vita il live del trio Butterfly, sospeso fra il jazz, il minimalismo, il rock e il blues. Evento nell’evento è la rassegna “Incanti Mediterranei”, che ha in programma le performance al Maxxi della Paolo Damiani Band, quella del grande fisarmonicista Luciano Biondini ai Musei Capitolini (Palazzo Nuovo), e i concerti di Ambrogio Sparagna e Antonio Jasevoli al Museo Nazionale Romano in Palazzo Massimo.

Gli anni Cinquanta di Fred Buscaglione, Renato Carosone, Marino Marini e Bruno Martino invaderanno la Galleria Alberto Sordi per il concerto revival “Io c’ero… Che bambola”, con Jack la Cayenne e l’Orchestra dei Buscaja. All’Ex[De]Po’ Ostia suona la band Thegiornalisti: sul palco rock, pop e psichedelia. Porte aperte anche alla Gnam, che punta i riflettori sul live di Marco Colonna (sax tenore, clarinetto basso) e sul suo “Viaggio dentro una canzone (dell’essenza e del respiro”. Nessun concerto, infine, al Complesso del Vittoriano, ma la mostra “Guttuso. 1912-2012” sarà visitabile eccezionalmente fino all’una di notte (ultimo ingresso alle 24).

Per il calendario completo e per info sugli orari: www.museiincomuneroma.it.

Francesco Gabriele

 

È SUCCESSO OGGI...

Forte scossa di terremoto, giocatori del Frosinone fuori dall’hotel

La scossa di magnitudo 4.2 registrata tra Lazio e Abruzzo alle 4:13 della notte e' stata chiaramente avvertita dai giocatori e dallo staff tecnico del Frosinone Calcio. La squadra laziale e' infatti da giorni...
Terremoto, nuove scosse nel centro Italia

Forte scossa di terremoto tra Lazio e Abruzzo: torna la paura

Una forte scossa di terremoto ha fatto tornare la paura tra Abruzzo e Lazio. Il sisma e' stato rilevato tredici minuti dopo le 4 del mattino. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e...

Storace insiste: «Zingaretti vuole anticipare le elezioni regionali»

E’ da qualche giorno che il vicepresidente della Pisana Francesco Storace batte sullo stesso tasto: Zingaretti vuole anticipare le elezioni regionali nel Lazio a novembre in concomitanza con le elezioni regionali in Sicilia. La...

Anguillara, esplosione in una villa: feriti e paura

Intorno alle 8.30, probabilmente per una fuga di gas, si e' verificata un'esplosione all'interno di una villetta ad Anguillara Sabazia, in via grotte di Castellana.   La deflagrazione e' avvenuta all'interno dell'appartamento al piano terra, dove...

Lazio Ambiente, mancano dalle casse 12,5 milioni dei Comuni

Lazio Ambiente deve rimanere pubblica, si sono sgolati a dire sindacati e Comuni anche dopo il semi accordo con la Regione che di fatto ne rallenta la valorizzazione come aveva invece deciso  inizialmente il governatore...