Liberi, piccoli, indipendenti: i libri invadono Roma

0
19

Cosa accomuna il blogger-militante “de sinistra” Diego BIanchiZoro”, la raffinata Dacia Maraini, il giornalista investigativo tedesco Gunther Wallraff e il fumettista italiano Zerocalcare? Semplice: i libri. Anzi meglio: “Più libri più liberi”.

Tutti e quattro infatti sono fra i protagonisti dell’undicesima edizione della fiera mercato della piccola e media editoria, promossa e organizzata dall’Associazione Italiana Editori e in programma da oggi a domenica al Palazzo dei Congressi. Una rassegna mai come stavolta in grande stile che punta sulla sperimentazione e sulla contaminazione dei generi.

All’esperienza giornalistica di Wallraff, per esempio, si affiancheranno le nuove voci della narrativa di origine africana Moussa Konaté, José Eduardo Agualusa e Yvan Sagnet. E ai big della narrativa come Andrea Camilleri, Massimo Carlotto, Marcello Fois, Marco Malvaldi e Dacia Maraini si aggiungerà la corrosività fumettistica di Lorenzo Mattotti e Zerocalcare. E poi c’è l’impegno civile del Procuratore Nazionale Antimafia Pietro Grasso, ospite di un focus sulle mafie che si terrà domenica alle ore 19, e l’analisi politica irriverente di Zoro (sempre domenica, ma alle 18).

La fiera, che quest’anno oltre ai classici appuntamenti nella sede del Palazzo dei Congressi invaderà la capitale con la sezione “Off – Più libri più luoghi”(centoquaranta iniziative dislocate in cinquanta diversi luoghi della città), esplorerà anche le nuove proposte della fiction letteraria, proporrà scrittori internazionali, andrà alla scoperta di giovani autori, accenderà i riflettori sui temi caldi dell’attualità. dalla politica alla crisi economica, darà spazio alla musica e al cinema, e si occuperà perfino di yoga e calcio.

Fra gli eventi più curiosi è da segnalare l’incontro di stasera alle 19 con l’autore Leo Mansueto, il giornalista John Vignola e i cantanti Pierpaolo Capovilla, Giulio Casale e Federico Fiumani, sul parallelismo tra l’opera di David Bowie e il pop-rock italiano.

cinque