Neri Marcorè, il cantattore

0
21

Il sogno dell’attore? Diventare cantante. Almeno lo è per Neri Marcorè, che dopo averlo inseguito per anni – sfiorandolo addirittura con lo spettacolo di teatro canzone dedicato a Gaber – s’è ritrovato ad acciuffarlo in questo scampolo di 2012, diventando protagonista di un concerto tutto suo (con tanto di band e orchestra d’archi a supporto) dal titolo “Le mie canzoni altrui”, in scena stasera al Sistina.

La performance vede l’attore marchigiano nelle vesti di appassionato interprete e, per il lasso breve di un brano, anche in quelle d’autore: “Il silenzio degli ulivi” è il pezzo che Neri proporrà al pubblico in mezzo a tante, tantissime pietre miliari della musica italiana; successi senza tempo scritti da alcuni dei suoi “miti” personali, muse del calibro di De Andrè, Capossela, Fossati, Dalla e De Gregori, tanto per citarne qualcuno. Unico ospite “ammesso” sul palco sarà l’amico d’una vita Edoardo De Angelis, che duetterà con lui in una versione particolare della ballata romana “Lella”.

Un repertorio vasto e decisamente importante, quello scelto da Marcorè per la sua prima esibizione, che ben si abbina con lo scopo altrettanto nobile della serata, visto che parte del ricavato verrà devoluto alla Fondazione Vialli e Mauro per la lotta alla Sla. Francesco Gabriele