“LOADING…” – TOOT

0
37

Con l'Ep “Loading…” rilasciato il 16 Settembre scorso i TOOT, interessantissima band underground di Roma, presentano al pubblico il loro netto cambiamento, ciò che li distingue da come erano prima ( è l'anno di nascita del progetto) e li lancia per come sono oggi. L'iniziale sound di questo gruppo era originariamente di tipo alternative/funk rock, molto sincopato e pieno di energia (alla Red Hot Chili Peppers per intenderci): quelle stesse caratteristiche sono state mantenute con il passare dei mesi e soprattutto amplificate dall'ingresso del synth, che è andato a sostituire il basso ponendosi come fulcro di nuove sonorità, ancora orientate verso l'accentuazione del ritmo, del movimento e dell'invito a muoversi a tempo con la musica rivolto al pubblico, ma ora decisamente più elettroniche.

 

La prima canzone del breve Ep (appena quattro tracce) è “Powder” e con questa il messaggio dei quattro capitolini è chiaro: “vogliamo farvi ballare”. E ci riescono. Nonostante i quattro minuti di durata la traccia è molto articolata e si gioca molto sui cambi di dinamica, oltre che sugli effetti del sintetizzatore e una semplice chitarra in pulito. “La successiva “Strawberry Taste” manifesta la loro irresistibile voglia di far muovere il pubblico dal vivo e l'ascoltatore a casa o in giro con l'iPod alle orecchie, anche a costo di perdere un po' di orecchiabilità. La ritmica electro-house di batteria è la base perfetta. Quei tratti in cui tutti gli strumenti si fermano e resta solo il synth per qualche secondo poi sono delle vere chicche, per uno stile che fa di particolarità, dettagli e paraculate i suoi assi nella manica.

 

A seguire “Battlefield”, il brano più regolare del disco, da remix di assicurato successo. Metrica del cantato (buon timbro quello del frontman), e ritmica sono, appunto, perfetti per essere inseriti in una qualsiasi playlist disco del Sabato sera. In chiusura c'è “Friendship Is The Cure”, netta rivisitazione di una loro precedente versione di cui c'è anche il video su YouTube: con questi ultimi quattro minuti e mezzo i TOOT manifestano la loro intenzione di unire suoni elettrici, suonati, provenienti dagli strumenti più classici per una live band, ed altrettanti elettronici, più costruiti, computerizzati e di sicuro impatto sulla gente. Alla fine ci si rammarica del fatto che nel disco ci siano solo quattro brani, sensazione rara quando si incappa in gruppi emergenti non assistiti da produttori o aiutanti di qualsiasi genere. Il cambio di rotta non ha fatto male ai TOOT, che con l'aggiunta di un basso elettrico avrebbero un sound ancor più potente. Se si trovasse anche una particolarità alla voce, di quelle distintive, non sarebbe un problema sfondare all'estero.

 

 

TRACKLIST

 

1 – Powder

2 – Strawberry Taste

3 – Battlefield

4 – Friendship Is The Cure (rfx version)

 

Marco Reda

https://www.facebook.com/pages/TOOT/116423845087269Facebook

Powder