Villa Ada Posse, sul palco per il ventennale

0
21

Tutto in una (sola) notte. A vent’anni dal loro primo concerto i Villa Ada Posse tornano eccezionalmente insieme dal vivo – domani al centro sociale Intifada – per una performance-celebrazione in formazione originale che ripercorre la storia del gruppo attraverso le canzoni che lo hanno reso noto in primis a Roma ma poi anche nel resto d’Italia.

D’altronde Brusco, Lady Flavia, Ginko e Raina – assieme a dj Pekoz, la Shanty Band, Julia Kee e Rasta – hanno composto una delle crew che più ha dato impulso a un genere, quello della commistione fra rap, reggae e raggamuffin, che solo ora può dirsi davvero radicato nella cultura musicale italiana (anche grazie alla nascita di numerosi sound system ispiratisi proprio a Brusco e soci).

Nati agli inizi dei Novanta col nome del parco capitolino in cui erano soliti riunirsi, i Villa Ada hanno debuttato ufficialmente sulle scene solo nel 1997 col primo disco autoprodotto dal titolo “Musically”, album che raccoglieva tutti o quasi i brani composti fino ad allora. Il 2000 è l’anno che vede il primo abbandono: quello di Brusco, che intraprende la carriera solista facendo subito il “botto” con la canzone dedicata alla vittoria del campionato di calcio della Roma “Ancora e ancora” (2001).

La band comunque va avanti e produce nuovi cd di successo gli ultimi dei quali sono “Berluscone” e “Accanto a te”. Poi, dal 2008, lasciano uno dopo l’altro Lady Flavia, Raina e Ginko. Sul palco sabato saranno tantissimi gli ospiti; su tutti spicca il giamaicano londinese Daddy Freddy, col suo raggamuffin velocissimo.