Incontro con l\’occidente, l’arte giapponese oltre la tradizione

0
47
 

Cosa succede all’arte tradizionale di un paese rimasto isolato per secoli – in questo caso il Giappone – quando entra in contatto con stili, tecniche e temi dell’arte occidentale? E’ la domanda di fondo alla quale cerca di dare una risposta “Arte in Giappone, 1868-1945”, la mostra in programma fino al 5 maggio alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna (la prima, dopo quella a Roma del 1930, imperniata sulla pittura tradizionale nihonga e le arti decorative giapponesi moderne).

Organizzata da The Japan Foundation, The National Museum of Modern Art di Kyoto, in collaborazione con quello di Tokyo e con l’Ambasciata del Giappone, l’esposizione e  composta da 170 opere – tra kakemono, i tipici dipinti su rotoli verticali di carta o di seta, paraventi decorativi, lacche, ceramiche, tessuti, kimono, vasi e intagli in legno – che guideranno il pubblico alla scoperta dell’arte giapponese Meiji, nelle fasi dell’incontro con l’Occidente, tra spinta al rinnovamento e riscoperta della tradizione. Fino all’avvento degli artisti Meiji (1868) l’arte giapponese era stata dominata dalla concezione estetica orientale, e tutti i suoi elementi (temi, strumenti, linguaggio, destinazione, materiali) erano profondamente diversi da quelli occidentali. Mentre la pittura occidentale era espressione del mondo tangibile e si basava sulla rappresentazione della realtà, quella giapponese tentava di esprimere l'immaterialità del mondo spirituale attraverso la rappresentazione delle figure reali.

La contrapposizione era netta fin nei materiali: colori minerali e inchiostro per la pittura giapponese, colori ad olio per quella occidentale. I termini yoga e nighonga, coniati nel periodo Meiji, stanno a indicare le due correnti artistiche che – a partire da quel momento – si sviluppano in Giappone. La pittura yoga utilizza le tecniche occidentali, mentre quella nighonga, oggetto della mostra, e  ancorata alla tradizione e ai valori prettamente giapponesi, pur essendo a tratti influenzata dall’occidente. Il periodo espositivo è distinto in due diverse fasi, dal 26 febbraio al 1 aprile, e dal 4 aprile al 5 maggio, con la sostituzione quasi totale dei dipinti e parziale delle altre opere d’arte.

Simone Fattori

È SUCCESSO OGGI...

fucile

Cammina per strada armato di fucile: allarme in città

Allarme in centro a Roma: un giovane di colore con un in braccio un fucile è stato segnalato in via Plinio, zona Prati. Sul posto la polizia di Stato dei commissariati Aurelio, San Pietro e Borgo. Verifiche...

Cerveteri, bufera Marini su Zito: “Asfalta la campagna elettorale”

«La presunzione di alcuni esponenti dell’Amministrazione comunale uscente suona come uno schiaffo ai 40mila cittadini della nostra comunità, trattati come fossero già tutti con il cervello all’ammasso». Il vice sindaco asfalta la campagna elettorale e...
sedativi

Roma, gru si ribalta: operaio muore schiacciato

Un operaio di 57 anni, di origini calabresi, è morto in un infortunio avvenuto questa mattina intorno alle 11.40 nei pressi di un depuratore in via degli Alberini, a Roma. Secondo quanto accertato dai carabinieri,...

Palpeggiava e molestava le sue allieve: orrore a Roma

Quando sulle lavagne di alcune aule di un istituto scolastico del Prenestino è apparsa la scritta “pedofilo”, associata al cognome di uno dei professori, la Polizia di Stato, nel più assoluto riserbo, era già...
Giampiero Ingrassia e Gianluca Giudi a teatro con lo spettacolo Taxi a due piazze

Teatro Marconi, Taxi a due piazze con Giampiero Ingrassia e Gianluca Guidi

Il Teatro Marconi ospiterà un grande spettacolo dal 5 al 14 maggio. Sul palco saliranno infatti due grandi artisti come Giampiero Ingrassia e Gianluca Guidi per uno spettacolo davvero di grande successo: Taxi a due piazze. TAXI A...