Dente, Brunori, Dellera e Iacampo Poker d’assi per l’Angelo Mai

0
53

 

Quattro chitarre, quattro voci: quattro cantautori fra i più raffinati della nuova leva italiana in un unico concerto, questa sera all’Angelo Mai, per sostenere le sorti dello storico locale capitolino. Dente, Dellera, Brunori e Iacampo saliranno insieme sul palco (prezzo low 5 euro, inizio ore 22) con i brani più belli del loro rispettivi repertori, riarrangiati per l’occasione in una versione unica che conterà naturalmente sull’apporto degli altri colleghi.

Dente, nome d’arte di Giuseppe Peveri, viene da Fidenza, provincia di Parma ed è considerato uno degli eredi di Lucio Battisti e Ivan Graziani. Sono già quattro gli album messi alle spalle dal giovane emiliano, di cui l’ultimo – “Io tra di noi” – l’ha consacrato stella nascente del songwriting tricolore.

E lo stesso discorso vale anche per il cosentino Brunori, cantastorie dei “poveri cristi moderni” affermatosi ormai definitivamente col suo “Vol. 2”, uscito lo scorso giugno a due anni esatti dal pluripremiato debutto discografico.

Sorprendente è invece la carriera di Roberto Dellera, nato bassista degli Afterhours e ora solista col lavoro finalista al Premio Tenco 2012 “Colonna sonora originale”, una narrazione in musica dell’intero suo percorso artistico.

Marco Iacampo, ex leader degli Elle, è invece il nome che si nasconde dietro il progetto GoodMorningBoy, che ha in “Valutedo” l’ultima produzione: il sound è folk ma con frequenti contaminazioni bossa, british e dalla chanson francese.

Fra. Ga.