Springsteen a ‘‘Rock in Roma’’, attesa per 45 mila fan

0
38
 

Quando il “Boss” chiama, i fan rispondono. E per il concerto di giovedì all’ippodromo di Capannelle, nel festival “Rock in Roma”, la Capitale non farà eccezione. Ad attendere infatti Bruce Springsteen, secondo le previsioni degli organizzatori, saranno in 45 mila e per questo motivo è stata fatta costruire un’arena apposita.

È un ritorno a Roma per Springsteen dopo quattro anni dal concerto allo stadio Olimpico. Una delle tante tappe del “Wrecking ball world tour” del 2013 che a 63 anni, il cantante del New Jersey, non si stanca di portare in giro per il mondo. Ad accompagnarlo, sul palco, l’inseparabile E-street band: undici elementi dove si esaltano il sassofono di Jake Clemons e le tastiere di Charles Giordano.

Inutile sperare di avere una scaletta in anticipo, basandosi sulle tappe precedenti, anche se è difficile pensare che il Boss non esegua “Born in the Usa” o “Dancing in the dark”.

Pronto Bruce Springsteen, anche la città e l’ippodromo di Capanelle si stanno adeguando: più di 1.200 persone stanno lavorando perché tutto funzioni, il pubblico potrà arrivare dalla stazione Termini e dall’aeroporto di Ciampino a Capannelle al costo di 1 euro. Da Ciampino è anche disponibile un servizio di navette che collegherà il parcheggio low cost dell’aeroporto a Capannelle al costo di 8 euro. A fine concerto sono garantiti, fino alle 2.30, 6 treni diretti alla stazione Tiburtina e Ciampino, completamente gratuiti.

Il rientro verso il centro sarà assicurato dalle navette, prenotabili anche il giorno stesso del concerto in uno dei due infopoint di “Rock in Roma”, a soli 3 euro per arrivare a piazza San Giovanni, stazione Ostiense e Termini.

Tre aree d’ombra e quattro gazebo con nebulizzatori a pioggia daranno refrigerio ai fan nelle ore prima del concerto, dove, si spera, che Springsteen replichi quanto fatto a Napoli e Padova per ingannare l’attesa: regalare un paio di brani acustici ai tanti seguaci del Boss.