Più libri più liberi, al via a Roma la fiera della piccola editoria

0
91

La cultura in Italia non è affatto morta. Tantomeno quella del libro. E la Regione Lazio lo dimostra con la fiera internazionale “Più libri, più liberi”, in programma a Roma da oggi all’8 dicembre presso il Palazzo dei Congressi all’Eur. In campo la piccola e media editoria italiana che punta a rilanciare la sua impresa rispetto ai colossi rivali con una rassegna di dibattiti sul futuro di aspiranti ed emergenti scrittori, oltre che seminari su attualità e segreti dell’imprenditoria cartacea, e sessioni di presentazione dei lavori dei partecipanti.

La presentazione oggi, giovedì 5 dicembre alle 16, del volume “La Via Egnatia – Fotografie Da Un Itinerario Culturale” ha dato il via all’iniziativa, mentre alle ore 17 nella stessa sala si è tenuto il seminario “Sta morendo l’editoria di qualità?” a cura tra gli altri dell’assessore a cultura e politiche giovanili Lidia Ravera, che presenzierà a ogni evento in programma.

La fiera “Più libri, più liberi” entrerà però nel vivo domani, venerdì 6 dicembre, quando alle ore 12 (nella sala Smeraldo) la stessa Ravera e il presidente della Regione Nicola Zingaretti annunceranno i vincitori del bando riservato ai sistemi dei servizi culturali del Lazio. L’ultimo evento “La politica può fare del bene alla cultura?” andrà in scena domenica 8 dicembre (ore 19, sala Rubino). Ma “Più libri, più liberi” è anche musica e spettacolo, con gli intrattenimenti di cantanti come Roy Paci, Max Pezzali e Pietra Montecorvino e apparizioni degli attori Carolina Crescentini, Francesco Pannofino, Pierfrancesco Favino, Margherita Buy, Sonia Bergamasco e tanti altri.

Particolarmente attese sono le presentazioni dello scrittore messicano Diego Enrique Osorno (libro “Z. La guerra dei Narcos”), del marocchino Tahar Ben Jelloun (“Fuoco”) e dell’autrice irlandese Edna O’Brien (“Country Girl”). Per accedere all’evento previsto un costo di 6 euro (dalle 10 alle 20 oggi e l’8 dicembre, dalle 10 alle 21 il 6 e 7).