Roma, la città sovrana dello street food

0
141

A Roma sono conosciutissimi, da chi è del quartiere e soprattutto da chi è appassionato di cibo di strada. Sono i negozietti che vendono le prelibatezze della gastronomia locale in formula “a portar via”. Che adesso sono anche recensiti nella guida, fresca di stampa, nata con il programma televisivo “Street Food Heroes”.

A Santa Barbara trovi lo storico Filettaro dove gustare dei fritti di baccalà così buoni che sono ormai onnipresenti nei più attenti libri enogastronomici e per turisti.

In via della Meloria, quartiere Trionfale, c’è l’altrettanto famoso Pizzarium: il tempio della pizza, dove il più classico dei cibi di strada viene celebrato ogni giorno con ricette originali e variegate. Senza considerare l’attenta lievitazione dell’impasto, che ha fatto del proprietario, Gabriele Bonci, un guru della panificazione, omaggiato anche sul New York Times.

Per rimanere in tema di pizza, a Testaccio c’è 00100 Pizza, il locale dove è nato il “trapizzino”: un triangolo di pizza bianca farcito con le più classiche ricette della cucina romana. L’idea piace così tanto che l’inventore aprirà venerdì 13 dicembre un nuovo punto vendita a Ponte Milvio.

In questo quartiere, la “Guida al miglior cibo di strada” (edizioni Gribaudo) consiglia i supplì al sugo del locale Sora Milvia. Sfogliando la guida, poi, (aggiornatissima sullo street food di tutto lo stivale) sono elencati anche i luoghi più suggestivi dove poter gustare gli spuntini appena comprati.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI CINQUE QUOTIDIANO 

[wpmlsubscribe list=”9″]