Capodanno a Roma, una notte di “swing” ai Fori Imperiali

Due palcoscenici - a largo Corrado Ricci e all'Altare della Patria - con orchestre e dj, ballerini di lindy hop (la danza swing) e danzatori professionisti

0
751

Il Capodanno a Roma si festeggia anche ai Fori Imperiali con il Swing circus vintage party, viaggio musicale nel tempo tra gli Anni 30 e gli Anni 60, creato dal collettivo di Swing circus. Il gruppo romano per una notte trasforma via dei Fori Imperiali in una ”swing street”, sulla falsariga della Cinquantaduesima strada di New York.

DUE PALCOSCENICI – Due palcoscenici – a largo Corrado Ricci e all’Altare della Patria – con orchestre e dj, ballerini di lindy hop (la danza swing) e danzatori professionisti. Una marching band sfila nei dintorni dei Fori, i performer danzano coinvolgendo il pubblico in un vero e proprio show, i clown del gruppo ”Patatrak professionisti del Kaos!” giocano con i bambini a ritmo di musica e con spettacoli di strada. Sullo sfondo, proiezioni sulle facciate dei palazzi storici di immagini di repertorio della Swing era. Dalle 20 alle 22 si balla in strada. La Vacuna’s jazz band, sestetto itinerante, apre la festa con una street parade sulle note creole di King Oliver e Louis Armstrong, brani della tradizione ”street” della Storyville proibizionista. Sui due palcoscenici, dj set 100% swing con Duke dj, Lucie Q Djette e social dance di ballerini di lindy hop che coinvolgono nel ballo i passanti. Alle 22 partono i live sui palcoscenici: all’Altare della Patria l’orchestra Operaia di Massimo Nunzi suona grandi classici dello swing, del rhythm & blues, del soul, fino al funky e al rock’n’roll; i performer della compagnia Opificio in movimento, diretti e coreografati da Diana Florindi, danzano sulle musiche dell”orchestra. La Swing valley band di Giorgio Cuscito si esibisce, invece, sul palco di largo Corrado Ricci con un repertorio di grandi classici del jazz più popolare degli Anni 30 e 40, ricreando nel contesto urbano l’epoca d’oro delle ballroom swing, mentre i ballerini di lindy hop ripropongono i balli dell’epoca.

IL CERIMONIERE – La festa ha anche un ”cerimoniere” – il cantautore swing Piji – che col megafono si invita i passanti a muoversi tra le diverse aree della festa. Una troupe realizza un video reportage dell’evento per raccontare la notte più lunga dell’anno (a cura di Uncut di Marco Castaldi e Pietro Giampietro). A mezzanotte in punto spettacolo di fuochi d’artificio.

[form_mailup5q lista=”eventi”]

È SUCCESSO OGGI...