Scienza della cultura della felicità, l’ultimo libro di Gioia Di Cristofaro Longo

La presentazione il 24 febbraio alla Camera dei Deputati

0
996

Adottare la felicità come vero e proprio sistema culturale. Oltrepassare il concetto dei diritti umani in termini esclusivamente dichiaratori superando l’attuale discrasia tra parole e fatti. E ancora, generare innovazione, creatività, entusiasmo, cooperazione e solidarietà. Far emergere, in una parola, “l’altra faccia della Luna”. Progetti ambiziosi di cui si occupa la Libera Università dei Diritti Umani e che sono l’oggetto di riflessione in “Scienza della cultura della felicità”, l’ultimo libro della fondatrice della Lunid, Gioia Di Cristofaro Longo. L’autrice, docente ordinaria di Antropologia culturale alla Sapienza di Roma e relatrice di numerosi incontri e convegni internazionali e nazionali, presenterà la sua opera alla Camera dei Deputati nella sala del Mappamondo il prossimo 24 febbraio 2017 alle ore 16.

Alla presentazione parteciperanno l’onorevole Fucsia Nissoli, deputata della circoscrizione estera di Centro e Nord America, il giornalista e scrittore Luca Attenasio, la dirigente Miur Giovanna Barzanò, la tv manager Beatrice Colletti, Loredana Cornero della Comunità Radio Televisiva Italiana, Paolo De Nardis ordinario di sociologia all’Università La Sapenza, Luigi Mantuano vicepresidente Sisus, Aldo Marrone direttore dipartimento dermatologia clinca e salute globale dell’Istituto San Gallicano. A moderare la conversazione sarà Gianni Lattanzio, segretario generale dell’Istituto per la Cooperazione con i Paesi Esteri (Icpe).

Nel libro Gioia Di Cristofaro Longo riporta le riflessioni sviluppate, in costante dialogo con studenti e colleghi, durante gli ultimi vent’anni della sua attività di docente. L’intento è quello di individuare una possibile via teorica e metodologica nella quale recuperare il filo che lega pensiero e azione, ricerca di senso e operatività, finalità e sperimentazione, rifiutando lo scollamento tra sfera ideale e sfera pratica della società contemporanea. Si propongono alcuni dei progetti sviluppati in collaborazione con scuole italiane e con scuole del mondo in difficoltà. Gli stessi che hanno ispirato la fondazione della Lunid e che mirano a promuovere la cultura dei diritti umani per rifondare, nei contesti in cui si vive e si opera, un raccordo tra etica e utopia, per la ricerca di una felicità liberata dalle derive attuali che la restringono nel campo puramente consumistico ed edonistico.

Per poter partecipare alla presentazione è necessario spedire una e mail a: gioia.dicristofaro@gmail.it
Per gli uomini è obbligatorio l’uso della giacca.

LASCIA UN COMMENTO

È SUCCESSO OGGI...