Cibo e pubblicità, vent’anni d’Italia a Palazzo delle Esposizioni

0
311

L’Italia e il cibo. Un rapporto profondo e consolidato, attraverso il quale è possibile ripercorrere la storia di un paese, rivivere usanze e costumi di un determinato periodo, capire e approfondire le mode del tempo. È quello che avviene con “Il Cibo Immaginario 1950-1970. Pubblicità e immagini dell’Italia a tavola”, una mostra, ideata e curata da Marco Pacella, che racconta venti anni di storia italiana, dalla Ricostruzione fino all’Austerity, utilizzando iconografie e linguaggi della pubblicità del cibo e dei riti del mangiare.

L’evento prodotto da Artix in collaborazione con Coca-Cola Italia, Gruppo Cremonini e Montana, ospitato a Palazzo delle Esposizioni, presenta fino al 6 gennaio oltre 300 immagini tratte da rotocalchi, inserzioni pubblicitarie, agende per la casa, cataloghi premio, depliant, calendari, cartoline illustrate, fumetti, riguardanti l’ “immaginario” mondo del cibo che, per la prima volta in una raccolta unitaria, diventano espressione del cambiamento di un paese.

Sono testimonianze di un passato, in cui si rincorrono slogan, frasi, icone e testimonial del tempo. Il linguaggio pubblicitario del cibo segue le tendenze del momento e adatta termini, parole, grafica all’esigenza. Ed ecco che tra cibo, cronaca e storia si innesca uno scambio continuo, si intesse un legame intimo ed emozionale, chiaramente raccontato all’interno della mostra. Un legame indissolubile, fruibile nelle dodici sezioni dell’impianto espositivo, che parte dal dopoguerra, dai primi anni Cinquanta, da un’Italia che comincia a sognare, in cui arriva il progresso e migliora la condizione sociale.

Nelle case entrano oggetti come il frigorifero, il frullatore, il televisore, nuove forme, colori e materiali. È un’Italia che corre verso la modernità, ma sempre attenta al benessere, come suggerisce la pubblicità di Idrolitina “Vi dà salute… mentre vi disseta!”. È l’Italia del tempo libero con l’aperitivo Cynar o i risotti già pronti Liebig. È l’Italia in famiglia, l’Italia che seduce o degli intenditori, come per la Martini “Chiedetelo vi distinguerete”. Per giungere ad un’Italia che sogna con i concorsi a premio o che risparmia, dopo la crisi degli anni ‘63-‘64, e perviene a una lenta ripresa al termine degli anni Sessanta.

A conclusione 28 fotografie restituiscono un’Italia dal vivo, mostrano persone e luoghi ai quali la pubblicità del cibo si rivolgeva, intrecciando un dialogo ininterrotto tra la fantasia, la creatività comunicativa e il mondo reale. L’esposizione è come un viaggio nel tempo, un viaggio nella memoria, fortemente evocativo e realistico, capace di far “riassaporare” istanti e quotidianità di un vissuto al quale tutti apparteniamo, anche come italiani.

Location: Palazzo delle Esposizioni, Roma
Orario: dal mart al giov 10.00-20.00 / ven-sab 10.00-22.30 / Dom 10.00-20.00 (lun. chiuso)
Data: dal 3 dicembre 2013 al 6 gennaio 2014
Prezzo: € 7,50
Indirizzo: via Nazionale, 194 Roma
Info: 06.39967500

 

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SUI PRINCIPALI EVENTI DI ROMA DIRETTAMENTE NELLA TUA EMAIL

[wpmlsubscribe list=”27″]